Sms contro il bullismo? Cgil e Silp: “serve correggere mentalità. Presidi sono pubblici ufficiali”

1274

Aumentano i casi di violenza nelle scuole (+20%) ed il governo pensa di contrastare il fenomeno del bullismo attraverso sms. Lo affermano in una nota Davide Chiarenza del Silp Cgil e Ignazio giudice, segretario provinciale della Cigl.

“I dati dimostrano chiaramente che il fenomeno è in crescita proprio nei luoghi in cui le famiglie ripongono la loro fiducia. Crescono soprattutto le violenze fisiche e morali, i danneggiamenti ed i furti. Rimangono inalterati gli altri dati: percosse ed offese. Attraverso questo nuovo servizio, a nostro avviso, s’intende capovolgere il sistema delle responsabilità ovvero trasferire la responsabilità che grava sui dirigenti scolastici agli alunni. Appare opportuno ricordare che i dirigenti scolastici sono dei pubblici ufficiali e pertanto obbligati per legge a segnalare alle forze dell’ordine i reati che si consumano dentro le loro scuole”.

“Conseguentemente – proseguono Chiarenza e Giudice – occorrerebbe, a nostro avviso, correggere certe mentalità o atteggiamenti culturali, per contrastare l’omertà e i silenzi che si registrano ancora fortemente all’interno delle nostre scuole, perciò sarà difficile ottenere tramite sms, il risultato auspicato dal governo.Tutti siamo chiamati a valorizzare la scuola, in quanto agenzia educativa. La CGIL è disponibile a confrontarsi nel merito con i dirigenti scolastici ed i rappresentanti dei genitori, per elaborare proposte condivise in grado di far percepire agli alunni la bellezza della legalità. Occorrono sinergie interistituzionali, buoni esempi e tanti buoni educatori dentro le scuole, per fare sistema e vincere questa battaglia culturale ed educativa”.

 

Commenta su Facebook