Siulp, polizia di Stato. “Evitare svuotamento degli uffici per far fronte all’ordine pubblico”

684

Il Segretario Provinciale del sindacato di polizia, S.I.U.L.P. , Patrizio Giugno, ha incontrato il team del Dipartimento ministeriale, per un confronto su alcune tematiche di stringente attualità per la polizia di stato nissena, accogliendo di buon grado l’esigenza del Dipartimento stesso di confrontarsi direttamente con gli operatori di pubblica sicurezza tramite i sindacati.

Il S.I.U.L.P. ha chiesto ai funzionari ministeriali di farsi portavoce presso il Dipartimento, delle istanze della categoria, impegnata quotidianamente, a far fronte alle innumerevoli esigenze della Polizia di Stato sul territorio. L’immigrazione e i problemi connessi alla gestione del centro polifunzionale di Pian del Lago, che sottopongono il personale ad un impegno quotidiano straordinario, gravato dalla continua esigenza di fronteggiare problematiche di ordine pubblico. Stesso discorso per il Muos di Niscemi, “che ha dato la stura a quei movimenti antagonisti internazionali”, scrive Giugno, che hanno messo a dura prova gli uomini del Commissariato di Niscemi.

Il Siulp della provincia nissena, chiede una rivisitazione di tutta la forza organica e una razionale distribuzione del personale” onde evitare il fenomeno dello svuotamento degli uffici per far fronte all’ordine pubblico”. Al centro del confronto la paventata chiusura di alcuni presidi di polizia, come il distaccamento ferroviario a Caltanissetta. In tal senso Giugno fa proprie le posizioni del segretario nazionale Felice Romano in materia di tagli, ovvero no a tagli selvaggi o indiscriminati, si a una razionalizzazione che non penalizzi articolazioni strategiche.

Commenta su Facebook