Il sindaco Bancheri dopo l’incendio della sua auto: “Atto vile ma andiamo avanti”. Dalla politica messaggi di solidarietà

1002

Un atto vile ma la legge farà il suo corso e porterò avanti la mia candidatura. E’ quanto affermato dal sindaco di Delia Gianfilippo Bancheri nell’intervista rilasciata in anteprima a Radio Cl1.

 

Intanto dalla politica arrivano messaggi di solidarietà. Il primo a inviare una nota è il deputato di Forza Italia Michele Mancuso “Massima solidarietà a Gianfilippo Bancheri – scrive Mancuso – sindaco di Delia per il vile atto intimidatorio rivolto alla sua persona. Nessun sindaco siciliano, in particolar modo del mio territorio, deve temere di svolgere con impegno ed onestà la sua funzione amministrativa”.

Il sindaco di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo, ha telefonato al primo cittadino di Delia, Gianfilippo Bancheri, esprimendo solidarietà, anche a nome dell’intera Amministrazione comunale, per il vigliacco atto subito con l’incendio dell’automobile. “Siamo al suo fianco – afferma il sindaco di Caltanissetta -. Questi atti intimidatori dimostrano che esistono sacche di resistenza nei confronti di chi opera per il bene comune. Siamo certi – prosegue Ruvolo – che il sindaco Bancheri proseguirà con determinazione nel suo lavoro. Come sindaci fronteggeremo chi intende scoraggiare, con atti inqualificabili e criminali, l’azione politica finalizzata a far crescere la comunità”.

E ancora i segretari dei sindacati Cgil, Cisl e Uil Fp, Giovanna Caruso, Floriana Russo Introito e Massimiliano Centorbi, esprimono piena solidarietà e sostegno al Sindaco di Delia per l’orribile gesto subito. “Nella qualità di rappresentati sindacali  – scrivono in una nota – sentiamo il dovere e l’obbligo morale di condannare siffatti atti e tutelare chi continua a credere nel lavoro e nell’impegno costante senza dover ricorrere e nascondersi dietro a vili gesti di inaudita violenza. È oltremodo inaccettabile per l’intero territorio che atti di tal genere continuano a verificarsi a danno dei rappresentanti delle Istituzioni Locali che con grande senso del dovere si impegnano quotidianamente per il benessere di tutta la cittadinanza Confidiamo che episodi di tale spregevole matrice possano essere emarginati e considerati quale frutto di immotivata prepotenza e che, per il Sindaco e tutti i suoi collaboratori e per chi alla vigilia delle nuove elezioni amministrative si appresta a continuare quel percorso di legittimità e di trasparenza intrapreso , quanto accaduto rappresenti un importante monito per andare avanti con determinazione e fermezza”.

Commenta su Facebook