Sindacato di polizia Silp Cgil. "Tentiamo di proseguire nella democratizzazione".

550

Davide Chiarenza SIL Cgil“I poliziotti non sono lavoratori come altri perché appartengono ad una cultura che li pone ancora lontani da molti aspetti della società civile solidale e tollerante”. E’ con questo incipit polemico che inizia l’intervento del segretario del sindacato di polizia Silp-Cgil, Davide Chiarenza, che denuncia un persistente “sistema corporativo che esprime oggi, per alcuni poliziotti, un’idea molto chiara di caserma. Non diritti per tutti ma privilegi per pochi e un sistema vecchio che si autocelebra di giorno in giorno, delegittimando sindacati che, come il Silp, hanno enunciato l’esatto contrario quale principio ispiratore”. Il Silp – prosegue Chiarenza – ha tentato e tenta di proseguire nel suo progetto sindacale di democratizzazione”. Per il sindacalista nisseno “l’amministrazione di Pubblica sicurezza ha saputo lavorare molto bene e oggi controlla e gestisce un pianeta sindacale non più rissoso, ma “allineato e coperto”. “Da parte nostra – conclude – sarebbe auspicabile dare a tutti i poliziotti piene libertà sindacali e chiedere ai vari responsabili dei partiti politici di prendersi l’impegno di abrogare nella prossima legislatura tutti i limiti contenuti nella legge 121/81 che di fatto impediscono la piena cittadinanza ad ogni poliziotto”.

Commenta su Facebook