Siluro del PD al presidente del Cefpas, Ricotta. "Non ha i requisiti". Interrogazione all'Ars su consulenze.

1014

Lomaglio PD MineoSiluro indirizzato al presidente del Cefpas, Michele Ricotta, dal Partito Democratico di Caltanissetta. L’occasione è l’articolo della finanziaria approvata all’Ars che sopprime il consiglio d’amministrazione del Cefpas, sostituendolo con la nuova figura del “Direttore del Centro”. Il PD di Caltanissetta chiede a Crocetta di scegliere il nuovo direttore con criteri di merito e competenza, con un’interrogazione all’Ars a firma del deputato Giuseppe Arancio. “L’ interrogazione – afferma il Partito democratico – ripercorre la inquietante vicenda della nomina di Ricotta, adottata senza alcuna selezione e senza che l’interessato fosse in possesso dei requisiti richiesti dalla legge”. Il Pd accusa Ricotta che “poco dopo il suo insediamento, avrebbe assegnato una consulenza alla società Mathexis per 20 mila euro, per la riorganizzazione del Centro, nonostante gravassero sul suo bilancio i compensi per il Direttore generale, Direttore della Formazione e direttore amministrativo, che avrebbero dovuto assolvere proprio il compito di riorganizzare il Centro”.

Ecco di seguito il comunicato dell’Unione Comunale del Pd di Caltanissetta.

Il CEFPAS va rilanciato. Il PD chiede al Presidente Crocetta, che si è già impegnato in questa direzione, che il nuovo DirettoreArancio con GAllè del Centro di Formazione Sanitario sia scelto, applicando un rigoroso criterio di competenza e professionalità acquisite nel settore della Formazione Socio-Sanitaria. Presentata dall’On. Arancio (PD) una interrogazione parlamentare all’Assessore alla Sanità, Lucia Borsellino.

Con l’articolo 29 della Finanziaria la Regione ha soppresso il consiglio di amministrazione del CEFPAS e ne ha trasferito i compiti ad una nuova figura il “Direttore del centro” che va a sostituire, con maggiori poteri, il precedente Direttore Generale. Una scelta condivisibile voluta dal Governo Crocetta, che acquista una valenza particolare alla luce del colpo di mano con cui la giunta Lombardo aveva nominato, nell’agosto dello scorso anno, l’ex deputato di Alleanza Nazionale Michele Ricotta, alla Direzione Generale del Centro. L” interrogazione presentata all’ARS dall’On. Arancio del PD ripercorre la inquietante vicenda della nomina di Ricotta, adottata senza alcuna selezione e senza che l’interessato fosse in possesso dei requisiti richiesti dalla legge, essere cioè una” personalità in possesso di documentata esperienza organizzativa Michele Ricotta Emilio giammussonel settore della formazione socio-sanitaria”. Nell’interrogazione viene inoltre rilevato che anche la nomina del Direttore della Formazione del CEFPAS è avvenuta senza tener conto dell’art. 8 dello Statuto dell’Ente che prevede che “ il Direttore della formazione deve essere in possesso del diploma di laurea e di comprovata esperienza nel campo formativo del settore sanitario e della Salute pubblica”. La specifica del settore nel quale deve essere stata acquisita l’esperienza professionale è comprensibilmente motivata dalla natura sanitaria dei compiti e delle attività dell’ente ed è confermata dall’art. 9 del Regolamento Organico del CEFPAS che prevede che il “Direttore della formazione deve essere in possesso di diploma di laurea in medicina e di comprovata esperienza nel campo formativo del settore sanitario e della salute pubblica”. Disattendo completamente tutto ciò il Bando emanato in data 28 novembre dall’On. Ricotta, DG del CEFPAS non faceva menzione dei precitati requisiti esplicitamente previsti dallo Statuto e dal Regolamento Organico dell’ente. L’On. Arancio evidenzia infine all’Assessore alla Sanità che il Direttore Generale, poco dopo il suo insediamento, avrebbe assegnato una consulenza alla società Mathexis per un importo complessivo di poco inferiore ai € 20.000 per la riorganizzazione del Centro, nonostante gravassero già sul suo bilancio i compensi per il Direttore generale e del Direttore della Formazione, nonché di quello amministrativo pro tempore che avrebbero dovuto assolvere al compito di riorganizzare il Centro;

Adesso la nuova norma prevista in Finanziaria impone che il Governo Regionale, attuando una necessaria rottura con il metodo seguito da Lombardo e con i comportamenti amministrativi di Ricotta, segua un percorso di trasparenza per la nomina che dovrà avvenire sulla base di requisiti e criteri trasparenti in grado di assicurare al CEFPAS per i prossimi anni una direzione di alto profilo capace di rilanciare la struttura valorizzandone il legame con il territorio nisseno.

Il Partito Democratico è impegnato in tal senso, anche al fine di valorizzare al meglio tutte le potenzialità del CEFPAS, in passato purtroppo svilite, con l’obiettivo di ottenere anche il consolidamento a Caltanissetta di un Polo Bio-Sanitario Universitario d’Eccellenza che crei le condizioni per la nascita del Policlinico del Centro Sicilia. Un traguardo strategico per le Aree Interne, che con il contributo fattivo delle istituzioni locali, dell’Università,dell’ASP e degli attori dello sviluppo locale, è possibile finalmente realizzare con il contributo fondamentale del Presidente Crocetta e del suo Governo.

Caltanissetta 17/05/2013 Unione Comunale PD Caltanissetta

Commenta su Facebook