Sicilia due punto zero. "Alla Leopolda Siciliana un nuovo genere di confronto"

1496

“L’appuntamento di “Sicilia 2.0” si avvicina e già registriamo numerosissime adesioni da tutto il territorio della provincia di Caltanissetta. Diversi sono gli amministratori locali della provincia nissena che hanno deciso di aderire alla manifestazione”. Lo dicono Elisa Carbone e Vito Margherita, dell’assemblea nazionale e della direzione regionale del partito Democratico in vista dell’appuntamento del 28 febbraio e 1 marzo a Palermo dove è in programma la Leopolda siciliana. “Che sarà un’occasione di confronto sui problemi e sulle loro soluzioni, nuova nel suo genere per la Sicilia”, spiegano i due esponenti nisseni.
L’evento prevede la partecipazione di amministratori e cittadini chiamati ad essere parte attiva nella discussione e nell’elaborazione di idee per il futuro dei nostri territori.
Nella due giorni saranno attivati 25 tavoli di confronto su 25 argomenti diversi, tra i quali: economia e lavoro, innovazione, politica e geopolitica, istituzioni e territori, patrimonio storico, artistico e paesaggistico.
Per partecipare a “Sicilia 2.0” basta registrarsi attraverso il sito www.siciliaduepuntozero.it, dal quale, inoltre, sarà possibile consultare tutte le convenzioni attive (hotel, B&B, taxi, carsharing, ristoranti).
Luogo dell’incontro sarà l’ex Fabbrica Sandron, un locale che in passato ospitava una casa editrice costretta a trasferirsi da Palermo a Firenze, all’indomani di un’alluvione che sconvolse il capoluogo siciliano. “Una casa editrice: spazio simbolico in cui le idee libere diventano comunicazioni, progetti industriali, posti di lavoro. Uno spazio in cui prenderà vita il progetto Sicilia: non un progetto astratto ma un qualcosa che abbia obiettivi concreti e tempi reali”.
“E’ un’occasione da non perdere. Adesso tocca a noi”, concludono.

Commenta su Facebook