Si spacca l’Udc, nuova grana per Ruvolo. Ricotta e Tricoli: “Valutare condizioni per rimanere in maggioranza”

3240

Si spacca l’Udc a Caltanissetta. All’indomani del congresso che ha eletto i nuovi organi provinciali (congresso voluto dai leader siciliani Giampiero D’Alia e Gianluca Miccichè in rotta di collisione con il segretario nazionale Lorenzo Cesa che aveva da poche ore commissariato il partito siciliano, compreso quello provinciale di Caltanissetta), la capogruppo in consiglio comunale Adriana Ricotta e l’assessore e vicesindaco della giunta Municipale, Matteo Tricoli, insieme ad altri esponenti dichiarano fedeltà a Cesa, disconoscendo il progetto di Area Popolare, soggetto verso cui l’Udc Sicilia è stata traghettata anche con la creazione del gruppo parlamentare all’Ars.

Una grana per l’assessore al Lavoro, Gianluca Miccichè, che proprio nel suo territorio di provenienza si trova a gestire una situazione incandescente dagli incerti sviluppi.

Si apre un grosso interrogativo anche per la formazione della nuova giunta Ruvolo, dal momento che la Ricotta e Tricoli chiedono un incontro al Sindaco per verificare le condizioni per rimanere in maggioranza. Questo significa che la nuova giunta potrebbe nascere senza maggioranza se gli intenti bellicosi del gruppo dovessero essere confermati.

“E’ ormai da diversi giorni – scrivono Ricotta, Tricoli e altri militanti – che attraverso gli organi di stampa, leggiamo di una manifesta volontà di alcuni dissidenti in Sicilia dal Partito UDC, di cui è Segretario nazionale l’On. Lorenzo Cesa, di voler creare un nuovo soggetto politico con nome di UDC – SICILIA AREA POPOLARE”.

“Abbiamo preso atto, ufficialmente, che la Direzione nazionale del Partito, ha Commissariato la Segreteria Regionale della Sicilia, esautorando il vecchio Segretario Regionale con il Commissario Sen. De Poli e ha diffidato chiunque, ad effettuare operazioni per nome e per conto dell’UDC, se non autorizzati dallo stesso. Qualche giorno dopo vengono commissariate le Provincie della Sicilia, tra cui quella di Caltanissetta, designando Commissario Nedo Poli, che insieme al commissario Regionale e tutti gli altri commissari provinciali, indiranno i congressi per il rinnovo delle cariche, ad oggi totalmente decadute”.

“In relazione a quanto detto, gli scriventi hanno ritenuto opportuno contattare il Segretrario Nazionale Cesa, informandolo di non avere aderito a nessun nuovo soggetto politico e che intendono rimanere nel partito in cui si sono spesi da anni, condividendo storia e progettualità, chi con ruoli istituzionali, chi con ruoli dirigenziali di grande rilievo. Il segretario Nazionale, ha condiviso le ragioni ed è rimasto entusiasta della nostra scelta, che ci vede esclusivamente schierati con il vero e unico Partito dell’ UDC”.

Adriana Ricotta, Matteo Tricoli, Nicola Talluto, Cembalo Rossella, Scibetta Massimo, Gangitano Roberta, Sambataro Maria Teresa, firmatari della nota inviata in redazione dalla capogruppo Adriana Ricotta, affermano di “non aver partecipato a nessun consesso o pseudo congresso e mai hanno firmato nessun documento che autorizzasse chiunque a produrre per loro conto, documenti per autoconvocazioni ed altro, anche se, con rammarico, molti sono stati inseriti in pseudo liste di delegati senza nemmeno essere presenti agli incontri”.

“Ribadiamo quindi, che i sottoscritti ADRIANA RICOTTA, CAPOGRUPPO U.D.C. e Presidente della Seconda Commissione del Comune di Caltanissetta, Tricoli Matteo Vice Sindaco del Comune di Caltanissetta, Cembalo Rossella, già componente della Segreteria Regionale, Nicola Talluto già Responsabile della Comunicazione dell’ UDC Nissena, Roberta Gangitano già componente del Direttivo Cittadino, Sambataro Mariateresa già Segretario dell’UDC di Bompensiere e tanti altri, di cui a giorni saranno resi i nomi, si dichiarano appartenenti all’UDC e vicini al Segretario nazionale Lorenzo Cesa”.

“In settimana, unitamente al neo Commissario Provinciale NEDO POLI, indicato dalla Direzione Nazionale del partito, chiederanno un incontro con il Sindaco Giovanni Ruvolo per valutare se ci sono le condizioni progettuali per rimanere in maggioranza, diffidando chiunque a voler utilizzare il simbolo del Partito. Ad oggi, il Consigliere Comunale Adriana Ricotta e tutti gli amici che non hanno condiviso i congressi svoltesi in data 23 e 24 luglio c.m., chiederanno al Commissario di indire urgentemente i congressi per eleggere le figure istituzionali del partito”.

Si era svolto sabato all’Istituto Testasecca di Caltanissetta il congresso provinciale dell’Udc. Per nulla scosso dai recenti commissariamenti operati dal segretario nazionale Lorenzo Cesa, che vuole portare il partito a destra con Forza Italia, l’Udc Sicilia ha proseguito per la strada dei congressi, contestando le nomine fatte da Cesa. Che per la provincia di Caltanissetta aveva nominato Nedo Poli, un funzionario di partito sconosciuto ai più. Al termine dei lavori, sabato l’assemblea ha eletto i vertici del partito, confermando Angelo Bellina di Riesi quale Segretario provinciale e la consigliera comunale nissena Oriana Mannella nella carica di Presidente. Eletti anche i trenta componenti dell’assemblea provinciale ed i 24 delegati al congresso Regionale che si terrà il prossimo 7 agosto. Tra questi figurava, tra gli altri, proprio la Ricotta.

Commenta su Facebook