Si inventa rapina per nascondere ai genitori di aver perso al video poker. 16enne denunciato

622

Inventa di aver subito una rapina per nascondere ai genitori di aver perso 330 euro alle macchinette videopoker. Ma la bugia detta al padre lo inguaia molto di più.  Denunciato dalla Polizia un minorenne per simulazione di reato.

Nella serata di ieri, su linea di emergenza 113, il padre del giovane sedicenne ha segnalato agli agenti che il proprio figlio, poco prima, nel transitare con il proprio motorino sulla SS 122, nei pressi della pizzeria “La Baita”, era stato avvicinato da due stranieri di colore i quali, dopo averlo fermato e fatto cadere a terra, lo hanno rapinato del portafoglio contenente la somma di 330 euro. Il genitore aveva inizialmente creduto al racconto del figlio che la Polizia da subito ha cercato di verificare facendo confluire sul posto la volante di zona e una pattuglia del Nucleo Prevenzione Crimine di Palermo.

Raccolta la descrizione dei due rapinatori da parte del giovane, gli agenti hanno avviato le ricerche in zona. Il ragazzo, non avendo del tutto convinto il genitore sulla versione fornita alla polizia, messo alle strette ha ammesso tra le lacrime di aver inventato tutto poiché aveva perso i soldi alle macchinette. Grazie alla rettitudine del padre, che ha subito comunicato la circostanza alla Polizia, sono cessate le ricerche dei due rapinatori, mentre il ragazzo ora dovrà rispondere di simulazione di reato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta.

Commenta su Facebook