Si chiude con il successo dei Lions Soccer Nissa, l’ambito torneo di calcio a 5 della Baita

Si è concluso con il successo dei Lions Soccer Nissa,del presidente Giuseppe Amico, il torneo di calcio a 5 organizzato nei campetti della Baita. Un torneo ben strutturato, che ha fatto registrare la presenza di tanti giocatori di ottimo livello, ancora in attività, sia nel calcio a 11 che in quello a 5. Ad avere la meglio e ad alzare la coppa è stata proprio la formazione del presidente Amico,che si conferma autentica bestia nera per le altre contendenti. Si consolida,l’egemonia su un’altra icona del calcetto rappresentata dal presidente Salvatore Intorre. È stata definita da tutti gli addetti ai lavori la vittoria più prestigiosa ottenuta dal presidente Peppe Amico, nelle storia del calcio a 5 nisseno, che è culminata con la meritata conquista dell’ambitissimo trofeo,la splendida coppa Torneo Notturno. Poche squadra sono riuscite a tenere botta alla formazione allestita dallo specialista Amico che, anche in questo caso, puntellando la rosa con qualche importante pedina nissena di categoria, ha saputo allestire un organico pressoché imbattibile. In molti si aspettavano l’epica sfida con l’altra colonna portante del calcio amatoriale della provincia Intorre, che però non ha potuto partecipare attivamente all’evento ed ha visto i suoi ragazzi uscire anzitempo nella fase a gironi. Nulla da fare nemmeno per le altre formazioni blasonate come la Vigor e la Pro Nissa, che si sono dovuti arrendere ai Lions Soccer Nissa, che hanno sbaragliato in semifinale l’Autocarrozzeria Cammarata capitanata dall’esperto Rosario La Marca. In finale non ha lasciato scampo neanche ai fortissimi ragazzi della Demarete composta da Matias Ferraro, Italiano  e altri giocatori con noti trascorsi calcistici anche con la casacca biancoscudata e che sino a quel momento erano arrivati in finale da imbattuti. Merito insomma alla grande organizzazione tattica dei ragazzi gestiti da Amico che di diritto entrano tra i grandi del calcio a 5 amatoriale. Chi potrà batterli? Ai posteri l’ardua sentenza!

Commenta su Facebook