Sgombero via Puccini. Fuschi (Lega Nissena) al Sindaco: “Excusatio non petita, accusatio manifesta”

888

“Scusa non richiesta, accusa manifesta. Questa amministrazione non finisce mai di stupire e di sorprendere per come affronta, in maniera dilettantesca, i drammatici problemi della comunità Nissena”. Lo afferma Gianfranco Fuschi per la Lega Nissena – Movimento del Cittadino in riferimento al comunicato della Giunta Ruvolo “con il quale – secondo Fuschi – in uno stile arzigogolato ed inconcludente, affronta la questione delle 64 famiglie di via Puccini che dovranno lasciare le loro abitazioni”.

“Le ordinanze, firmate dal sindaco, giorno 4 febbraio, immaginiamo prima di andare a teatro, oramai pubblicate, sono operative ma ancora si ci chiede quale soluzione reale sia stata adottata”, attacca Fuschi.

“Ha un bel dire Ruvolo che bisogna remare tutti nella stessa direzione, cosa condivisibile, ma bisogna capire in quale direzione. Se l’obiettivo di questa amministrazione, dell’ Iacp, della protezione civile, del governo regionale è quello di deportare 200 Nisseni al foro boario,nei container dismessi all’Aquila, tra fango, topi e zecche, le direzioni non coincidono”.

“I Nisseni non hanno meno diritti di altri”.

“L’Amministrazione intanto provveda a dare il giusto sostegno economico per coprire gli affitti e si attivi per reperire gli alloggi, nei capitoli della solidarieta’ sociale si facciano le verifiche, si sprechi meno, si stabiliscano dei criteri equi. Noi, al momento, vediamo solo una gran confusione. Che vuol dire parleremo con Crocetta? Quando ? Per cosa ? Il problema e’ adesso”.

“Nessuno pensi di far trovare la gente con il fatto compiuto, perchè in quel caso, ognuno dovra’ assumersi le proprie responsabilità”, conclude Gianfranco Fuschi per la Lega Nissena.

Commenta su Facebook