Sgombero degli appartamenti di via Puccini. Il Sicet della Cisl chiede soluzioni immediate

976

In merito alla vicenda relativa gli alloggi I.A.C.P. di via Puccini, dove si paventa, nell’interesse dell’incolumità delle famiglie che abitano gli stessi, di effettuare lo sgombero, il SICET CISL (Sindacato Inquilini, Casa, Territorio e Ambiente) di Caltanissetta, auspica, che la soluzione di tale problema sia immediata.

“La sicurezza delle famiglie – afferma Nicola Talluto, segretario provinciale – è fondamentale, ma il disagio delle stesse, deve essere posto allo stesso piano della sicurezza, in considerazione del fatto che ormai da diversi mesi, gli inquilini ed i proprietari degli alloggi, sono sotto pressione e si rivelano anche confusi da dichiarazioni che spesso sono state contrastanti sullo stato di agibilità degli immobili”.

“Il direttore dell’ I.A.C.P., attraverso quanto ha dichiarato, pensiamo sia stato abbastanza esaustivo e abbia presentato una fotografia chiara della situazione che ad oggi, gli Enti preposti, non possono assolutamente sottovalutare e devono impegnarsi a dare risposte chiare e concrete che devono soddisfare i bisogni e le esigenze delle 64 famiglie che vivono tale grave disagio strutturale e psicologico, in quanto, rischiano di dover abbandonare un bene inestimabile, quale la casa che per tutti rappresenta uno scrigno di vitale importanza, dove sono racchiusi, la storia e i ricordi della propria famiglia”.

“Si legge, inoltre che l’Assessorato alle infrastrutture della Regione Sicilia, abbia messo a disposizione 3.600.000 euro ( DA VERIFICARE?) che saranno destinati all’acquisto di nuovi alloggi in vendita sul mercato immobiliare nisseno, ma su tale decisione, vorremmo sapere, se sono stati definiti dei parametri  che determineranno le procedure poste in essere per l’acquisto degli stessi e se è stato fatto uno studio che prevede una  graduatoria che indichi le modalità di assegnazione in base alle esigenze di ogni famiglia sui nuovi alloggi”.

“Infine, quindi il SICET CISL , auspica che gli Enti competenti a risolvere il problema, senza perdere tempo, unitamente ai proprietari e gli inquilini di via Puccini e magari interagendo anche con i Sindacati come il nostro presenti sul territorio, diano indicazioni chiare, concrete e definitive su quanto si vuole fare per mettere fine, una volta per tutte ad un gravoso problema, che colpisce ancora una volta le fasce più deboli”.

Commenta su Facebook