Sfruttamento prostituzione, denunciata per favoreggiamento. Sub-affittava casa a "collega"

2506

Una donna è stata denunciata a Caltanissetta dalla sezione volanti della Polizia per favoreggiamento allo sfruttamento della prostituzione.
Un residente vicino, infastidito dall’andirivieni di clienti da un’abitazione del centro storico, ha chiamato la Polizia in forma anonima.
Ai poliziotti ha detto che, a qualsiasi ora del giorno si assiste all’andirivieni di persone che si recano presso un’abitazione vicina in centro storico, verosimilmente per consumare rapporti sessuali, con delle donne.
L’equipaggio della volante, recatosi sul posto indicato dall’anonimo, ha identificato due donne romene, entrambe trentenni, di cui una domiciliata nell’appartamento in questione e l’altra ospite, dietro un corrispettivo mensile versato alla connazionale.
I poliziotti all’interno dell’appartamento hanno notato in bella vista una scatola contenente 300 preservativi chiedendo alle donne spiegazioni. Le due rumene dopo un’iniziale titubanza hanno ammesso di svolgere attività di sesso a pagamento presso quell’abitazione, convinte di non incappare in un reato, ma a limite in una segnalazione.
Dalla successiva perquisizione gli agenti hanno trovato la somma di 750,00 euro nella disponibilità della donna domiciliata e di €.550,00 nella disponibilità dell’ospite che ha spiegato di esserseli guadagnati grazie a una precedente attività lavorativa in qualità di badante.
La donna domiciliata è stata quindi denunciata in stato di libertà alla locale Procura della Repubblica per il reato di favoreggiamento della prostituzione in quanto ospitava in casa una donna che esercitava la prostituzione, inquadrandosi per tal via, secondo l’autorità procedente, il reato di favoreggiamento.
Sono in corso ulteriori indagini per stabilire l’identità del proprietario dell’appartamento, al fine di verificare la sua posizione in merito ad eventuale complicità con la donna romena per il reato di favoreggiamento della prostituzione, e per accertare se lo stesso abbia provveduto a effettuare la registrazione del contratto di affitto presso l’agenzia delle entrate.

Commenta su Facebook