Sfiorata tragedia a Resuttano: al culmine di una lite prende a colpi di accetta un allevatore

938

Nella tarda mattinata di oggi, i Carabinieri della Stazione di Resuttano hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, C. G., 50enne incensurato di Resuttano, per tentato omicidio.

L’uomo, al termine di un futile litigio dovuto al lamentato pascolo di un gregge sul proprio terreno, in contrada Ciolino di Resuttano, ha colpito con un’accetta alla testa un allevatore 48enne di Santa Caterina Villarmosa. Quest’ultimo è riuscito ad avvisare i Carabinieri della locale Stazione, prima di perdere i sensi ed essere trasportato da familiari presso l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dov’è tuttora ricoverato in prognosi riservata.

I Carabinieri si sono subito messi alla ricerca dell’aggressore, rintracciandolo poco distante dal luogo del tentato omicidio, ancora in possesso dell’accetta, che ha spontaneamente consegnato ai militari, confessando l’aggressione all’allevatore, reo a suo dire di aver fatto pascolare i propri animali sul terreno di proprietà della sua famiglia, senza permesso dello stesso.

L’uomo, trovato con gli abiti ancora sporchi di sangue, ha anche confermato di aver inferto un fendente con l’arma in testa alla vittima.

L’accetta e gli abiti, ancora intrisi del sangue dell’aggredito, sono stati posti sotto sequestro.

C. G. è stato arrestato per tentato omicidio ed è ora ristretto presso la casa circondariale di Caltanissetta, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria nissena.

 

Commenta su Facebook