Sette commissioni in un pomeriggio, eletti tutti i presidenti. La presidente Montagnino, “mai successo, nuova storia”

2235

IMG_5974Qualcuno è uscito scontento, ma anche chi non ce l’ha fatta ha stretto la mano ai concorrenti. E’ questa la fotografia che esce dall’elezione dei presidenti delle sette commissioni consiliari, loro vice e la relativa composizione delle stesse, che il presidente del consiglio, Leyla Montagnino ha chiuso in un solo pomeriggio.

“Abbiamo fatto sette commissioni in un pomeriggio, forse non era mai successo, sono soddisfatta per il clima di collaborazione”, ha detto a caldo la Montagnino, “da domani si partirà con una nuova storia per Caltanissetta, mi auguro”.

Diciamo subito che a capo della commissione trasparenza, la settima commissione permanente, è stato eletto il consigliere di Officina Politica nissena, Gianluca Bruzzaniti. Con sette voti, contro i cinque ottenuti da Salvatore Petrantoni di Caltanissetta Protagonista, su cui sembrava potessero convergere i voti del Nuovo centro Destra, che in realtà in prima battuta, alla luce della frammentazione dell’opposizione, che proponeva ben quattro candidature, sosteneva Rino Bellavia. La votazione del presidente della settima commissione trasparenza, per regolamento, avviene con i soli voti dei consiglieri di opposizione.

IMG_5976

Vicepresidente della stessa commissione è stata eletta Annalisa Petitto del PD, all’unanimità. Sulla sua elezione, però, ci sono due versioni diverse fornite rispettivamente dal consigliere comunale Francesco Dolce e dal capogruppo del Pd, Angelo Scalia. La prima, quella confermata dal capogruppo del PD, Angelo Scalia,  vede la nomina effettuata su proposta del capogruppo del PD, che ha avanzato la candidatura di un proprio esponente per la vicepresidenza della commissione trasparenza, e l’Udc, valutata positivamente la possibilità che l’incarico andasse all’avvocato Petitto, ha fatto un passo indietro, propiziato dal capogruppo Salvatore Calafato, che pure era tra i possibili aspiranti.

L’altra versione accreditata dal consigliere del PD, Francesco Dolce, , vorrebbe che a proporre il nome dell’avvocato Petitto per la vicepresidenza della commissione trasparenza sia stato il capogruppo del Udc, di concerto con altri esponenti della maggioranza, tra cui l’avvocato Licata del Patto Etico. La poltrona, secondo questa ricostruzione, sarebbe toccata al Udc, che ha fatto un passo indietro per la Petitto del Pd, proposta che ha ricevuto il consenso anche del capogruppo angelo Scalia.

Tutte le vicepresidenze delle commissioni sono state affidate all’opposizione, così come alla vigilia della seduta aveva proposto l’Udc, sentiti tutti i capigruppo dei vari gruppi consiliari e “in accordo con i principi che hanno portato ad un percorso comune con gli altri partiti dell’Alleanza per la Città, nell’ottica di un lavoro proficuo, collaborativo ed efficace per assicurare equità e trasparenza all’interno delle stesse”.

IMG_5985IMG_5984I Presidenti delle Commissioni consiliari ed i vice

Prima Commissione affari Generali: Presidente Salvatore Licata (PER), vicepresidente Giovanni Magrì (M5S)

Seconda Commissione Territorio: Presidente Adriana Ricotta (Udc), vicepresidente Antonio Favata (Opn)

Terza Commissione Ambiente: Presidente Salvatore Mazza (Cambiare CL), vicepresidente Walter Dorato (Opn).

Quarta Commissione Bilancio e sviluppo economico: Presidente Carlo Campione (Ics), vicepresidente Valeria Alaimo (M5S).

Quinta Commissione Cultura e Solidarietà sociale: Presidente Manuela Margherita (Partito Democratico), vicepresidente Gianluca Bruzzaniti (Officina Politica).

IMG_5977Sesta Commissione Sanità: Presidente Rita Daniele (Udc), vicepresidente Rino Bellavia (Ncd).

Settima Commissione Trasparenza atti amministrativi: Presidente Gianluca Bruzzaniti, vicepresidente Annalisa Petitto.

“Sono soddisfatta dei lavori svolti oggi, perché ho avuto collaborazione e senso di responsabilità di tutti i gruppi, un’apertura dei gruppi di maggioranza nei confronti delle minoranze, perché vogliamo lavorare per la città al di là delle appartenenze, quindi tutti i vicepresidenti sono stati eletti nell’opposizione”, ha detto il Presidente del consiglio comunale, Leyla Montagnino. “Si può lavorare bene questa volta e sono contenta di essere alla guida di questo consiglio, convinta che si potrà lavorare per lo stesso obiettivo, la risoluzione dei problemi dei nostri cittadini”.

IMG_5983

 

 

 

Commenta su Facebook