Servizi negati ai disabili, sit in a Caltanissetta. Pasqua (M5S): “Disagi vergognosi a causa della Regione”

539

“Sono finiti i soldi e dal 27 ottobre  gli studenti con disabilità delle scuole superiori di Caltanissetta sono rimasti privi dei servizi di trasporto e di assistenza. La Regione, proprio come avvenuto lo scorso anno, non ha stanziato risorse sufficienti. Un fatto vergognoso e inaccettabile, perché si tratta di servizi essenziali per questi ragazzi, senza dei quali la loro convivenza sociale e il loro diritto all’apprendimento vengono compromessi”.

Lo denuncia Giorgio Pasqua, deputato regionale del Movimento 5 Stelle, che oggi a Caltanissetta era presente al sit-in organizzato dai genitori dell’associazione “La voce dei disabili” gruppo di 87 famiglie di persone con disabilità. Pasqua, insieme a Lella Ficarra, da sempre in prima linea nelle battaglie per i diritti dei disabili, e la consigliera comunale Nina Schirmenti, sono stati ricevuti dal vicario del prefetto Massimo Signorelli.

“Stavolta non si tratta di un qualsiasi disservizio – dice Pasqua – ma di una carenza di programmazione riconducibile all’inefficienza della Regione, che esattamente come l’anno scorso non ha stanziato le somme necessarie. Nel 2018 le somme stanziate erano di 19,5 mln €. Già allora avevamo detto chiaramente che ne servivano non meno di 32,5. Per il 2019 la Regione ha confermato la stessa somma di 19,5 mln. Mancano i soliti 13 mln € promessi con assestamenti di bilancio che non ci sono mai stati. Una leggerezza imperdonabile, visto l’ambito del quale ci stiamo occupando: la cura dei nostri cittadini più bisognosi di attenzioni, che oggi stanno vivendo un calvario, insieme ai loro genitori e agli operatori scolastici”.

“Ho contattato l’assessore regionale e il dirigente – prosegue Pasqua – che si difendono scaricando la colpa sul fondo Sanità bloccato dallo Stato o lamentando presunte incomprensioni da parte del Libero Consorzio nell’attuazione delle disposizioni regionali sull’utilizzo delle somme. Se così fosse, attribuirebbero a loro stessi la colpa del disastro, visto che i commissari dei Liberi Consorzi sono nominati dalla stessa Regione. Una vergogna nella vergogna. Si pensi piuttosto a risolvere urgentemente il problema trasferendo le somme necessarie affinché il servizio riprenda immediatamente  a programmare una volta per tutte le risorse in maniera sistematica, già da adesso, così da arrivare in tempo all’inizio del prossimo anno scolastico. Oggi è successo a Caltanissetta, domani potrebbe succedere in altre province”, conclude Pasqua.

Alla protesta hanno preso parte anche i ragazzi della II E dell’istituto Alberghiero dopo che hanno saputo che una delle ragazze, con problemi di autismo, non può ancora andare a scuola perché a lei, come ad altri, in questo momento viene negato il diritto allo studio. “Andremo avanti ad oltranza anche nelle sedi opportune – ha detto Lella Ficarra – anche al Governo regionale e se necessario al Governo nazionale per risolvere questi problemi una volta per tutte. Purtroppo quello della mancanza dei fondi è un problema ricorrente e i primi servizi che vengono tagliati sono proprio quelli in favore delle persone con disabilità”.

 

Commenta su Facebook