Senza stipendio al "centro per l'impiego". Il paradosso e la protesta degli "sportellisti"

709

La protesta Cisl a Palermo - manifestazioneDuecentocinquanta lavoratori dei Centri per l’impiego hanno partecipato, a Palermo, a un sit-in davanti la sede dell’Assessorato regionale al Lavoro. La protesta, organizzata dalla Cisl Scuola, e’ legata “al mancato pagamento di sei stipendi”. “In tutta la Sicilia – scrivono il responsabile regionale

Formazione professionale Cisl Scuola, Giovanni Migliore, e  il segretario Cisl Scuola Palermo, Francesca Bellia – sono 1800 i lavoratori, circa mille nella sola Palermo. C’e’ stata adesione massiccia anche davanti le altre sedi dei Centri per l’impiego dell’isola”. “Il dirigente regionale al Lavoro – continuano – ci aveva fatto sapere in un primo momento di avere una disponibilita’ di oltre 14 milioni di euro, svincolati dalla deroga al patto di stabilita’ per la gestione degli sportelli multifunzionali, per i Ciapi, Lsu e altre voci. In realta’ buona parte delle somme risultano gia’ impegnate, la reale disponibilita’ si limita a circa 3 milioni, una cifra insufficiente per tutte le esigenze”. “E’ in corso la valutazione – concludono i sindacalisti – sull’esistenza di altre disponibilita’, presto ci verra’ comunicata l’entita’. Attendiamo con cautela di avere certezze sulle somme che possano dare respiro ai lavoratori, la situazione sta diventando insostenibile. Continueremo a protestare”.

Commenta su Facebook