Senza illuminazione e fognature. L'amministrazione "bidona" i residenti di contrada Milicia infuriati

1411

Si ritengono “profondamente offesi e umiliati dal sindaco di Caltanissetta dott.Ruvolo per il trattamento riservato, avendo ignorato le problematiche esistenti nel quartiere di contrada Milicia del territorio di Caltanissetta”. Lo afferma in una nota il Comitato Civico Milicia, contrada a 15 chilometri dal capoluogo dove vivono 60 famiglie ed in cui mancano i servizi essenziali come fognature e illuminazione pubblica.
Nella nota il comitato riprende le fasi di una vicenda fatta di incomprensioni con la giunta e soprattutto con la burocrazia di Palazzo del Carmine, con lettere inviate al sindaco che però al sindaco non sono mai arrivate. E quando arrivano, e viene fissato un appuntamento, i dirigenti e funzionari preposti non si presentano.
“Abbiamo mandato una lettera, datata 01/04/2015, con raccolta firme al Comandante della Compagnia Provinciale dei Carabinieri dove abbiamo chiesto e ottenuto un incontro per spiegare le nostre problematiche inerenti alla sicurezza nel nostro quartiere. Un’altra segnalazione, in data 22/4/2015, è stata inviata, a mezzo posta elettronica certificata (pec), al Comune di Caltanissetta ed alla segreteria del primo cittadino dove si chiedeva di predisporre tutti gli accorgimenti propedeutici per la realizzazione di un impianto di illuminazione in contrada Milicia assolutamente necessaria a tutelare gli abitanti per eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana. A questa nota nessuna risposta.
Il Sindaco, ad un cittadino del quartiere “Milicia”incontrato per caso, alla domanda perché non aveva dato riscontro alla lettera ha risposto di non averla ricevuta.
Dopo una settimana Ruvolo convoca un incontro in contrada Milicia per parlare con gli abitanti del quartiere ma lo stesso sconvoca e riconvoca questo incontro per ben 3 volte in 3 date diverse”.
Stanchi del tira e molla i residenti avevano infine ricevuto comunicazione dal sindaco per un incontro con il vicesindaco, l’assessore al ramo e un tecnico comunale per il 22 luglio. “Tanti cittadini abitanti nella contrada Milicia si sono presentati all’incontro per aspettare la delegazione nissena e con grande dispiacere non è arrivato nessuno e senza nemmeno una telefonata di cortesia”.
Insomma, qualcosa nella catena di trasmissione di messaggi e direttive non deve aver funzionato.
“Tanti problemi esistono in questo piccolo “paese”/quartiere di Caltanissetta dove abitano più di 60 famiglie a 15 Km dal capoluogo – affermano i residenti – per fare qualche esempio: mancanza di fognature, mancanza di impianto di illuminazione, mancanza di cassonetti per l’immondizia, mancanza di manutenzione alle strade, mancanza di sicurezza (i furti nelle abitazioni sono numerosi e per ultimo aggressioni fisiche). Avevamo chiesto con molto garbo di essere ascoltati e di venirci incontro con qualche opera di urbanizzazione primaria (dato che le tasse li paghiamo al comune nisseno) ma il Sindaco ha disertato l’incontro cosa che invece per la campagna elettorale non ha fatto, in quanto ha riunito gli abitanti della contrada per promettere e assicurare il proprio impegno sul territorio. Risultati? in questo momento nulli ma ci auguriamo che in un prossimo futuro, molto imminente, il dott.Ruvolo si occupi pure di noi”, conclude la nota.

Commenta su Facebook