Sedute lampo, Campione: "Solo fango, quel giorno sottoposto a un delicato intervento"

1108

E’ stato indicato, nella qualità di presidente della quarta commissione bilancio, quale “responsabile” di una delle sedute lampo a Palazzo del Carmine, appena 10 minuti per 42 euro di gettone ciascuno (più il rimborso all’ufficio di lavoro di provenienza che viene erogato dal comune).
Ma Carlo Campione consigliere del Polo Civico non ci sta, agitando il Movimento 5 Stelle, che aveva fatto l’analisi delle sedute, di populismo. Se non altro perché quel giorno, il 20 febbraio 2015, giorno della seduta “incriminata”, il consigliere Campione, da anni impegnato nei comitati di quartiere di cui è stato portavoce, era sotto i ferri per un delicato intervento al cuore.
“Il mio impegno sociale è sempre stato all’insegna della disponibilità, gratuità e diligenza. In questa avventura politica mi sono sempre lasciato condurre dal mio senso civico e dalla passione per la mia città. Ho provato un grande senso di amarezza, disgusto, ingiustizia”, afferma Campione.
“Oggi è chiaro, più che mai, e non è la prima volta, che sono un avversario da annullare per il Movimento 5 Stelle. L’articolo comparso il 25 Luglio su un quotidiano, butta fango, utilizzando informazioni false e in quanto tali offensive della mia persona”. “Mi si accusa di aver tenuto, il 20 Febbraio, una Commissione consiliare della durata di 10 minuti: una falsità. Il 20 Febbraio ero  ricoverato in terapia intensiva all’Ospedale Villa Maria Eleonora a Palermo per aver subito un intervento al cuore di bypass. Ma questo al Movimento  5 Stelle non importa. La politica non credevo arrivasse a tanto: l’importante è buttarti sul giornale senza curarsi di niente e di nulla. Per i 5 Stelle l’importante è uccidere l’avversario politico. L’antipolitica si rivela come il peggior male della politica. Conosco bene il Movimento 5 Stelle e ne prendo, oggi più che mai, le distanze”.
Campione annuncia che si impegnerà “per ribadire la verità ovunque”.
E conclude: “consiglio al Movimento 5 Stelle di essere liberi e vivere nella verità perchè è la verità che ci farà liberi”.

Commenta su Facebook