Scuole superiori, Dad al 50 percento consentita fino al 30 aprile. Nessuna discrezionalità ai presidi

232

Ha provocato diverse reazioni la circolare dell’assessore regionale all’istruzione Roberto Lagalla che disciplina le modalità di rientro in classe in presenza a partire dal 26 aprile in Sicilia. Per le scuole superiori, anche in zona gialla o arancione, gli istituti possono continuare con la didattica a distanza al 50 percento e al 50 percento in presenza fino al 30 aprile. “Pertanto – si legge nel documento trasmesso ai presidi – il raggiungimento del previsto range 70-100% (disposto dal nuovo decreto legge, ndr.) potrà essere avviato a decorrere dal 3 maggio”.

La prosecuzione di tale regime oltre il 30 aprile, comunque mai sotto la soglia del 50 percento, è possibile solo per uno o più istituti per motivate e documentate ragioni di forza maggiore e soltanto previa autorizzazione dell’assessorato regionale all’istruzione. La Dad al 50 percento sarà altresì possibile fino a fine anno solo in vigenza di zona rossa.

In vigenza di zona rossa sia il presidente della Regione che i sindaci possono adottare ordinanza di sospensione “generalizzata o limitata per istituti scolastici o per diversi ordini e gradi” delle attività didattiche in presenza. Ma in questo caso è reso obbligatorio il preventivo parere tecnico sanitario dell’Asp di riferimento.

Per quanto riguarda le scuole dell’infanzia, la primaria e la secondaria di secondo grado lo svolgimento delle lezioni in presenza al 100 percento è obbligatorio indipendentemente dalla classificazione di rischio.

Scarica qui la circolare del 23 aprile (Pdf)

Commenta su Facebook