Scuola, in provincia di Caltanissetta la più alta percentuale di abbandoni. Cala il numero di iscritti per il prossimo anno

491

Caltanissetta è la provincia con la più alta percentuale di abbandoni scolastici e di Neet, sigla inglese che significa né studio, né lavoro. Nel territorio nisseno più di 1 ragazzo su 4, il 27 percento, lascia gli studi precocemente e quasi la metà dei giovani tra 15 e 24 anni non lavora né studia. Seguono altre province del Sud, tra cui Crotone e le siciliane Catania e Enna. E’ quanto emerge dall’indagine di Open Polis effettuata rielaborando i dati Istat ed Eurostat. Al lato opposto Venezia e La Spezia. Rispettivamente le province con la più bassa quota di abbandoni pari a circa il 4,8%. In provincia di Caltanissetta i Comuni di Niscemi, Butera e Vallelunga Pratameno sono sia tra i territori più colpiti dall’abbandono (oltre il 30%). Viceversa, i comuni di Sutera, Milena e Resuttano sono tra quelli dove entrambi i fenomeni incidono meno. Il 21 percento nel capoluogo.

E intanto continuano a diminuire gli iscritti nelle scuole nissene. Per l’anno scolastico 2020-2021 sulla base dei dati dell’ufficio scolastico saranno 1.317 in meno rispetto allo scorso anno. Un calo del 3,27 percento. Alunni e studenti di ogni ordine e grado saranno infatti 38 mila 966 contro i 40 mila 283 dello scorso anno. Il calo delle iscrizioni in provincia di Caltanissetta si attesta a livelli nettamente superiori alla media siciliana pari all’1,82 percento. Nell’Isola gli iscritti per il prossimo anno scolastico sono 702 mila 471 contro i 715 mila 503 dello scorso anno. Insieme ad Enna quella di Caltanissetta è la provincia con il decremento più marcato. Il calo delle iscrizioni almeno in quest’anno scolastico non comporterà una contrazione di cattedre. Il numero medio di alunni per classe sarà di 20.

Commenta su Facebook