Scoppia il caos rifiuti a San Cataldo. Lavoratori in sciopero scrivono al Prefetto. Il sindaco: "rispettati i patti".

SpazzaturaCaos rifiuti a San Cataldo. Spazzatura per le strade e netturbini formalmente in sciopero per i salari non pagati di novembre e dicembre. La protesta è scoppiata nonostante l’accordo per un’anticipazione del credito da parte di una banca in modo da pagare gli stipendi entro il 31 gennaio. I rifiuti non vengono smaltiti a San Cataldo da diversi giorni. E intanto anche a Caltanissetta gli operatori di Caltrambiente proclamano l’agitazione.

Il servizio di Alberto Sardo e le interviste con il presidente Geoagriturismo, Giovanni Baglio, il sindaco di San Cataldo Francesco Raimondi e l’assessore all’ambiente Giuseppe Mazza.

Scoppia l’emergenza rifiuti a San Cataldo e se ne annuncia una analoga a Caltanissetta dove i netturbini hanno proclamato lo stato di agitazione. Ma andiamo prima a San Cataldo dove la spazzatura ha letterlamente invaso le strade dopo che nell’ultima settimana in realtà il servizio non è stato espletato. Giovedì mattina i netturbini hanno fatto pervenire una lettera al presidente della cooperativa Geoagriturismo, al comune, all’Ato e alla Prefettura ion cui affermano di essere in stato di sciopero fin quando non verranno pagate loro le spettanze maturate. Una presa di posizione inaspettata per il sindaco Francesco Raimondi e per l’assessore all’ambiente Mazza che avevano sottoscritto un protocollo d’intesa proprio con i sindacati e l’Ato ambiente per un’anticipazione del credito vantato dalla Geoagriturismo Il sindaco Francesco Raimondicon l’Ato da parte di un istituto bancario. “Noi siamo stati ai patti” spiegano Raimondi e Mazza e non capiamo cosa stia accadendo”. Un piccolo giallo sulle procedure per chiedere l’anticipazione del credito da parte della Geoagriturismo. Il presidente della cooperativa Giovanni Baglio, asserisce ai nostri microfoni di avere avviato le pratiche di sua competenza ma di non aver ancora ricevuto l’attestazione del credito da parte dell’Ato e la garanzia fideiussoria da parte del comune.Giovanni Baglio - Geoagriturismo Circostanze che i diretti interessati, invece smentiscono. Dall’Ato fanno sapere che la certificazione è pronta da giovedì mattina, come concordato così come dal comune affermano di aver già firmato la garanzia fidejusoria. Il malcontento dei lavoratori, però, sembra ormai scoppiato, e lo sciopero rischia di far precipitare la situazione igienico sanitaria dal momento che la spazzatura viene smaltita soltanto nei punti sensibili come scuole, carcere e ospedale. Della problematica sia i lavoratori che il sindaco in un’altra missiva di giovedì mattina, hanno interessato il Prefetto.

Commenta su Facebook