Scontro sugli impianti sportivi. L’assessore Milazzo presenta gli sgravi per l’edilizia in centro storico

839

Si è concluso con un nulla di fatto il consiglio comunale di Caltanissetta. Convocato con ben 17 punti all’ordine del giorno, il civico consesso è stato aggiornato a giovedì per mancanza di numero legale dopo una discussione di oltre due ore e nessun punto approvato. Una scarsa produttività del lavoro in aula, stigmatizzata dal presidente del consiglio Calogero Zummo.

Il primo punto all’ordine del giorno, ovvero il nuovo regolamento per le bande musicali, che giunge inopinatamente a ridosso delle processioni della settimana Santa che vedono proprio le bande protagoniste, è stato ritirato per approfondimenti necessari in commissione, dallo stesso proponente. Al secondo punto, invece, la spinosa questione del regolamento per l’utilizzo degli impianti sportivi comunali. Sul regolamento sono piovuti due emendamenti, uno della stessa maggioranza di centro destra, che hanno fatto lievitare lo scontro in aula tra il consigliere Cigna e l’assessore Gaetano Angilella. Alla richiesta di un parere tecnico il consiglio è stato sospeso e alla riapertura dei lavori mancava il numero legale. In un altro articolo l’approfondimento sul regolamento per gli impianti sportivi.

Andrea MilazzoE tra i punti che invece dovranno essere ancora discussi, spiccano alcune iniziative per il centro storico. Si tratta di due proposte dell’amministrazione attiva, riguardanti la prima il totale abbattimento al 100% degli oneri di urbanizzazione per chi vuole fare edilizia in centro storico. Ovvero il costruttore non dovrà pagare oneri per costruire in centro, ottenendo anche altri sgravi e facilitazioni contenute nel regolamento stesso. L’altro punto riguardante l’edilizia e il centro storico, riguarda il regolamento per l’architettura sostenibile. Incentivi per l’uso di materiali a chilometro zero ed eco compatibili oltreché efficienti sotto il profilo energetico. Di questo e di altro ci parla l’assessore all’urbanistica Andrea Milazzo, che annuncia la presentazione della bozza di revisione del Piano regolatore generale.

Commenta su Facebook