Sclerosi multipla, Alzheimer e Ictus: all’Hotel San Michele studiosi da tutta Italia. I nuovi orizzonti

(Interviste e fotogallery in calce all’articolo).

Si è conclusa sabato 2 ottobre, all’Hotel San Michele di Caltanissetta, la 4ª edizione del congresso Highlights in Neurology, organizzata dal dr Michele Vecchio direttore del reparto di neurologia dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta, coordinatore regionale della Società Italiana di Neurologia e direttore del Dipartimento di Medicina dell’Asp di Caltanissetta.

L’evento, curato con professionalità dalla Fullcongress di Daniela La Russa, si è svolto nel rigido rispetto delle norme anti covid-19 senza nulla trascurare affinchè tutto si svolgesse nella massima sicurezza.

Il dr Michele Vecchio

“Sono particolarmente contento – ha detto il dr Vecchio nel suo indirizzo di saluto ai partecipanti –  di essere qui insieme a voi. Oggi cominciamo a ritornare al futuro ed è una cosa alla quale credo profondamente. Il futuro è quello che avevamo nel passato ma che adesso dobbiamo dimenticare per entrare in una dimensione nuova, una dimensione che dobbiamo costruire. Usciremo presto da questo momento difficile della pandemia e attività come queste (congresso, ndr) dove generiamo una tradizione di sapere, ci consente di andare verso questo futuro”.

Il microfono quindi al sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, che nel dare il benvenuto agli ospiti, li ha invitati a visitare la città e in particolare il centro storico, il museo archeologico e anche il “Cimitero de’ Carusi” visto che una delle tradizioni più forti del nostro territorio è quella delle miniere. Ma l’accento più forte Gambino lo ha messo sull’argomento Sanità.

“ Voi sapete – ha detto il primo cittadino rivolto all’uditorio – che il sindaco è responsabile

Il sindaco Roberto Gambino

della sanità locale ma, secondo me, è una ingiuria, un soprannome perché di fatto se si è responsabile della sanità locale e non si ha la possibilità di scegliere le linee guida nel contesto delle strutture sanitarie, la carica diventa un fatto residuale utile soltanto per gli adempimenti burocratici come, per esempio, mettere una firma. Non me ne vogliate ma purtroppo la situazione e questa e di questo io mi lamento”.

Nel corso della mattinata, poi, sono intervenuti il direttore generale dell’Asp, Alessandro Caltagirone e l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza i quali, ciascuno dal proprio punto di vista, hanno parlato sia del percorso e degli sforzi sostenuti per fare fronte alla pandemia sia di quello che si intende fare per il futuro.

Nel corso del congresso, cui hanno partecipato neurologi provenienti da tutta Italia, si sono accesi i riflettori su diversi aspetti di importanti  malattie neurologiche che si cerca di combattere attraverso i diversi studi condotti e lo scambio di esperienze tra gli specialisti del settore. Particolare attenzione è stata dedicata alla sclerosi multipla e alle complicanze derivanti dalla malattia da corona virus rispondendo anche all’interrogativo che molti si pongono sulle eventuali interferenze tra le due patologie (v. interviste).

Dr M.Vecchio, Avv. R.Razza ,Ing. A.Caltagirone,D.ssa M.Santino

Molti i nomi eccellenti come il prof. Giancarlo Comi e il prof. Carlo Terrone che hanno tenuto due lectio magistralis, entrambe presentate dal dr Vecchio, la prima, del prof. Comi, sulla interruzione della terapia nella sclerosi multipla recidivante e la seconda, del prof. Terrone, sulle complicanze neurologiche nella chirurgia urologica.

Tra i tanti focus importantissimi, la relazione del dr Massimo Corbo sulle prospettive nelle nuove terapie contro la demenza di Alzheimer in cui la molecola denominata “Aducanumab” appare come  un nuovo elemento di contrasto e l’intervento del prof. Francesco Patti sulla neuromielite ottica.

”Questo congresso è già storia –  ha detto al termine dei lavori il dr Michele Vecchio, visibilmente soddisfatto – e siamo proiettati verso altre cose che faremo. Vorrei utilizzare qui quello che ho detto quando abbiamo cominciato e cioè ritorno al futuro. Ritorno vuol dire che ci muoviamo, il futuro è la nostra ambizione finale”.

Da parte nostra, come sempre, non possiamo che ammirare tutti coloro che, ciascuno nel proprio ruolo, spesso anche con sacrifici, spalmano il proprio sapere e le proprie esperienze allo scopo di migliorare la qualità di vita di chi, purtroppo, di questo ha bisogno.

LE INTERVISTE (ordine alfabetico)

Intervista all’ing. Alessandro Caltagirone Direttore generale Asp Caltanissetta

 

Intervista al dr Ruggero Capra (origine e progressione della Sclerosi Multipla)

 

Intervista al prof. Giancarlo Comi (interrompere la terapia nella Sclerosi Multipla recidivante?)

 

Intervista al dr Massimo Corbo (prospettive nelle terapie dell’Alzheimer)

 

Intervista al prof. Giacomo Lus (vaccinazione anti Covid 19 e Sclerosi Multipla)

 

Intervista al prof. Francesco Patti (Disturbi dello spettro nella neuromielite ottica, nuovi orizzonti)

 

Intervista al prof. Leandro Provinciali (Neurologia e malattia da Corona Virus)

 

Assessore regionale alla salute avv. Ruggero Razza (Intervento integrale)

 

Intervista al dr Michele Vecchio presidente del congresso (Precisazioni sulla malattia di Alzheimer e bilancio dell’evento)

 

Intervista alla d.ssa Daniela La Russa (legale rappresentante della Fullcongress, curatrice dell’evento)

 

LA FOTOGALLERY

Commenta su Facebook