“Scatti di luce. Viaggi e incontri di uno psicoterapeuta”. Domenica al Teatro Rosso la presentazione del libro di Michele Cannavò

1849

Usare le foto per curare l’anima o cercare la bellezza: è questa una delle chiavi di lettura del lavoro di Michele Cannavò, psicoterapeuta siciliano che ha messo a punto un nuovo metodo per curare i pazienti, un metodo che può essere condiviso con chi vuole solo conoscere meglio sé stesso in relazione con gli altri

pages-from-webbookmichelecannavoscattidiluce
la copertina del volume

«Siamo universi». Questa affermazione che apre il libro di Michele Cannavò, Scatti di luce (Festamobile, Milano 2016) racconta un po’ di ognuno di noi, la nostra bellezza che – ci spiega l’autore con un metodo originale – si crea attraverso il senso, la percezione, le relazioni con gli altri attorno a noi.

Il 6 novembre al Teatro Rosso di San secondo di Caltanissetta alle ore 17.30, insieme a Piero Cavaleri, Psicologo, psicoterapeuta e Docente dell’istituto di Gestalt HCC Italy, e al fotografo Lillo Miccichè, l’autore presenta la mostra e il libro.

“Scatti di luce. Viaggi e incontri di uno psicoterapeuta”, è un progetto che raccoglie le foto di oltre 10 anni di viaggi e racconta il mondo della psicoterapia, un mondo che riguarda tutti noi perché mette al centro l’uomo e il suo essere rispetto agli altri, il prossimo, la natura. Il libro esplora e racconta soprattutto un metodo, messo a punto dall’autore, in cui le fotografie vengono messe a colloquio con il nostro sentire, un metodo che potrete scoprire grazie a questo evento.

Foto – scattate in 10 anni di viaggi in giro per il mondo – e parole – che nascono dall’incontro con i pazienti, con l’esperienza di viaggio, con le letture dell’autore –si legano per raccontare diverse storie: c’è il terapeuta, c’è il paziente (chi non ha mai provato dolore o bisogno degli altri?), c’è l’amico, l’amore, l’oltre. Tutto parte da noi e ci attraversa: «Je suis»,come si intitola composizione che chiude il volume, io sono bellezza, noi siamo luce, scatti di luce. Basta sfogliare. La fotografi a racconta.

schermata-2016-11-05-alle-12-26-25Margherita Spagnuolo Lobb (direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia dell’Istituto di Gestalt HCC Italy – Siracusa, Palermo, Milano) nella presentazione parla di “un libro che integra foto artistiche con riflessioni dell’autore. L’aggancio con cui Michele sin dall’inizio ci cattura è un armonico rimando tra la curiosità tipica della cultura siciliana, l’amore per la gente e per la vita, il senso della vista, il piacere di esserci come chi si lascia stupire da particolari insoliti ma straordinariamente attraenti”.
Michele Cannavò, classe 1976, vive e lavora tra Caltanissetta, sua città natale, e Catania, dove svolge attività clinica di psicoterapia nel setting individuale, di coppia e di gruppo. È uno psichiatra e psicoterapeuta della Gestalt. Ha conseguito un dottorato in medicina neurovegetativa ed è autore di più di trenta pubblicazioni in ambito medico psichiatrico. Dal 2009 al 2015 ha realizzato varie mostre itineranti in tutta la Sicilia tra le quali Sensi e Gestalt, Sentire la mente: tra specchi ed emozioni e Il dono della vita: respiri dal mondo.

Commenta su Facebook