Scarso approvvigionamento, chiarimenti di Caltaqua. “Non ci sono cittadini di serie B. A breve in funzione l’acquedotto Geracello”

In relazione ai disagi nella distribuzione lamentati, in questi ultimi giorni, dai residenti di alcune zone del capoluogo, arrivano i chiarimenti da parte di Caltaqua.

“Va innanzitutto precisato che nel momento in cui viene “aperto” l’approvvigionamento idrico di una zona, ciò avviene in maniera simultanea e integrale senza, cioè, alcuna distinzione tra settori della medesima area. Ciò al fine di confutare quanto sostenuto da alcuni, e ripreso dai media, in ordine alla presunta esistenza di “cittadini di serie A e di serie B” in ragione del loro luogo di residenza o lavoro. Così come un guasto, o comunque una criticità e il consequenziale intervento, investono una – più o meno ampia – area, allo stesso modo il ripristino dell’erogazione la coinvolge per intero e senza distinzioni di sorta riconducibili alla volontà del gestore”.
Quanto alla turnazione nel comune capoluogo, “era e rimane a giorni alterni con l’unica variazione, per le fasce più “esterne” di Sanatorio e Firrio dove dallo scorso mese – nell’ottica di una necessaria ottimizzazione della distribuzione con un’adeguata pressione in tutto il territorio comunale – la programmazione è stata variata, passando così a tre giorni-quattro giorni”.
“Appare altresì utile rammentare – come per altro fatto già più volte – che alla ripresa della distribuzione, dopo uno stop, in alcuni casi inizialmente si possono fisiologicamente registrare problemi di pressione e consequenziale scarso approvvigionamento.
Infine, ma non da ultimo, Caltaqua desidera ricordare che sin dal momento del suo insediamento accanto alla gestione quotidiana dei servizi ha dispiegato una progettualità di ampio respiro volta all’efficientamento delle reti che ha già portato a interventi di radicale sostituzione di interi e consistenti tratti di condotte ormai vetuste e in stato di degrado. Il tutto nell’ambito del programma originario volto a raggiungere sempre un maggiore livello di servizio. In tale ambito si colloca anche la più recente iniziativa che sta vedendo il Gestore del servizio idrico integrato impegnato nel completare l’iter autorizzativo con gli Enti preposti per l’utilizzo di nuove fonti, provenienti dalle sorgenti dello storico acquedotto Gerace-Geracello ripristinato direttamente da Caltaqua, situate in territorio di Enna. Da questa infrastruttura potrebbero arrivare sino a 10 l/s di acqua, incrementando così i quantitativi totali a disposizione della città con conseguenti benefici nella distribuzione idrica”

Commenta su Facebook