Sarà espropriata l’area della villetta di piazza Toronto a Delia. Il consiglio approva il progetto per un parco urbano

39

Attivate le procedure di espropriazione per motivi di interesse pubblico della villetta di piazza Toronto a Delia. L’area interessata, compresa tra le vie C.A. Dalla Chiesa, G. Dolce e Piazza Toronto, è di proprietà privata. Il progetto dell’amministrazione comunale definito nella deliberazione approvata all’unanimità dal consiglio comunale nella seduta di mercoledì, è quello di ripensarla quale zona a parco urbano.

“E’ con rinnovato impegno che ci accingiamo a raggiungere un altro traguardo di buona amministrazione e di lungimiranza politica, tesa a migliorare sempre di più la nostra cittadina – ha commentato il sindaco Gianfilippo Bancheri -. E’ assodato ormai che il verde urbano non è più solo un fatto estetico che incide sul decoro urbano ma ha conseguenze importanti e decisive anche sulla qualità e sulla salubrità della vita urbana”.

Il progetto – si legge nella deliberazione consiliare – prevede la riqualificazione dell’area da utilizzare come parco urbano caratterizzandolo come spazio verde pubblico con attrezzature sportive. Inoltre verrà organizzata un’area per lo sgambamento dei cani con percorso a ostacoli o “agility dog”.

“Il verde urbano rappresenta un vero e proprio servizio al cittadino – ha aggiunto Gianfilippo Bancheri – e come tale dobbiamo prevedere degli standard per esso, al di sotto dei quali non si può andare. Si tratta di ridisegnare l’urbanistica anche in funzione di ciò. La riqualificazione di un area a verde urbano risponde ad una strategia di eco sostenibilità incentrata sulla vita dei cittadini tesa a tutelare il patrimonio ambientale di tutti”.

Per l’amministrazione Bancheri l’intervento ha una duplice valenza. Promuovere da un lato la fruibilità di attrezzature urbane con attenzione alle nuove tendenze e dall’altro garantire la valorizzazione di uno spazio urbano attualmente poco caratterizzato urbanisticamente e socialmente.

Il progetto esecutivo approvato prevede un importo complessivo di € 73.182,13.

Commenta su Facebook