Santa Caterina. Pusher minorenne in manette. Decine di "stecche" di hashish per lo spaccio

1880

Hashish sequestrato S.CAterinaSanta Caterina Villarmosa: “fumo” pronto per lo spaccio nella confezione del formaggio. Carabinieri arrestano minorenne.

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri della stazione di Santa Caterina Villarmosa, guidati dal maresciallo capo Fabio Cocilovo, hanno effettuato, sul territorio di competenza, un servizio mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti; nell’occasione hanno tratto in arresto un minore e ne hanno segnalato alla prefettura un secondo.

I militari impegnati di pattuglia per le vie del paese hanno notato due minorenni in atteggiamenti sospetti in quanto, alla vista della gazzella dei carabinieri, hanno iniziato a camminare frettolosamente cercando di allontanarsi e sfuggire ad un eventuale controllo.

Uno dei due giovani ha gettato per terra una bustina, ma la scena non e’ sfuggita all’occhio attento dei carabinieri, i quali, raccolto l’involucro, hanno constatato che all’interno di esso erano contenuti 8 pezzetti di hashish del peso complessivo di 2 grammi.

I carabinieri hanno deciso quindi di effettuare accertamenti e controlli piu’ approfonditi nei confronti dei ragazzi, con perquisizioni personali e domiciliari. Nell’abitazione del predetto infatti, e’ stata rinvenuta all’interno di un garage adibito a cantina, una scatola bianca di una nota marca di formaggi, contenente 15 pezzetti sfusi di hashish del peso complessivo di 32 grammi, 4 bustine di cellophane, confezionate e pronte alla vendita con all’interno 15 pezzetti di hashish gia’ tagliato, per un peso complessivo di 31 grammi ed un contenitore di cartine.

Il giovanissimo e’ stato quindi dichiarato in stato di arresto ai sensi dell’art. 73 del testo unico sulle sostanze stupefacenti, per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il minore arrestato e’ stato sottoposto agli accertamenti di rito e, dopo avergli comunicato le garanzie previste dalla legge, e’ stato accompagnato presso il centro di prima accoglienza di Caltanissetta.

Commenta su Facebook