Sanità. Si chiude il ciclo Cantaro. A Caltanissetta arriva Vittorio Virgilio (Fratelli d'Italia) a guidare l'Asp.

866

Vittorio Virgilio con Musumeci e FirrarelloIl nuovo commissario dell’Asp 2 di Caltanissetta è Vittorio Virgilio, ex assessore in quota PDL della giunta Stancanelli a Catania, il cui nome è circolato insistentemente quale possibile candidato prima alle regionali di ottobre e adesso alle politiche in quota Pdl essendo considerato dai più un fedelissimo del senatore uscente Pino Firrarello, da poco transitato a Fratelli d’Italia di Ignazio La Russa.

Non sarà  candidato alla Camera, quindi, ma guiderà in qualità di commissario la sanità nissena, fino a quando non sarà pronta la lista degli idonei per la carica di direttore generale.

Chirurgo vascolare, già direttore dell’omonimo reparto al Garibaldi di Catania, Virgilio prende il testimone da Paolo Cantaro, la cui gestione è stata fortemente osteggiata proprio dal PDL che adesso piazza un uomo di un partito alleato al suo posto.

Proprio così, a meno che non sia avvenuta una rottura traumatica tra Virgilio e il PDL nell’ultim’ora, il professore ed ex assessore di Stancanelli, difficilmente può essere inquadrato in un’area diversa da quella di Firrarello.

Il manager Paolo Cantaro va invece a Catania, a dirigere, in qualità di commissario, il Cannizzaro Garibaldi, ospedale che ha già diretto in qualità di direttore sanitario.

Promozione sul campo, invece, per l’attuale direttore amministrativo  dell’Asp 2 di Caltanissetta, Giacomo Sampieri, che diventa commissario di tutta l’Asp di Enna.

Sampieri è da sempre molto legato al presidente della Regione Crocetta, che adesso lo ha voluto alla guida di un’azienda sanitaria strategica e in crescita come quella di Enna, il cui ospedale, fatta eccezione per l’emergenza  urgenza di terzo livello (rimasta saldamente in capo al Sant’Elia di Caltanissetta), sembra surclassare per numero di interventi e servizi il nosocomio nisseno, candidandosi a punto di riferimento per il centro Sicilia.

Le nomine sono state esitate dalla giunta regionale Crocetta su proposta formalmente avanzata dall’assessore Lucia Borsellino.

Commenta su Facebook