Sanità. Partono le lettere di assunzione dall’Asp2. Si inizia con i medici utilmente inseriti nelle graduatorie esistenti

1399

Partono le nuove assunzioni all’Asp 2 di Caltanissetta. Si inizia con i medici che occupavano posti utili in graduatorie ancora valide, stilate in occasione di precedenti concorsi. A stabilire che la priorità andasse ai candidati utilmente collocati in graduatoria era stata infatti una circolare dell’assessorato alla salute di aprile 2017. Dagli uffici dell’Asp2 di via Cusmano sono partite le lettere per l’assunzione a tempo indeterminato di 6 cardiologi, 1 dermatologo, 3 fisici, 3 medici di Medicina Interna, 1 neurologo, 3 chirurghi vascolari, 5 ortopedici, e, da 3 a 19 anestesisti. A queste assunzioni si aggiungono i concorsi per otto primari già banditi per direttori di Unità Operative Complesse di Ginecologia a Caltanissetta, Urologia a Caltanissetta e Gela, Malattie Infettive a Caltanissetta e Gela, Centro Trasfusionale nel capoluogo e Ortopedia nella città del golfo.

Per lo sblocco delle altre assunzioni e delle stabilizzazioni, invece, si dovrà attendere l’esito della riunione della conferenza dei sindaci fissata il prossimo 4 settembre con l’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi. Da quella riunione si attendono notizie sull’incremento del tetto di spesa per 5 milioni di euro, indispensabile per avviare i primi concorsi.

“Con la nuova rete ospedaliera abbiamo conseguito in provincia successi importanti. Caltanissetta è diventata Hub e Gela spoke, nessuna provincia ha un hub e uno spoke nella sua organizzazione. Inoltre abbiamo mantenuto i tre ospedali minori con tre pronto soccorso, come chiedeva la gente”, afferma il direttore generale dell’Asp2, Carmelo Iacono. “Adesso – prosegue – questo progetto va riempito e cominciamo con le assunzioni. Stiamo assumendo i medici che si trovano in graduatorie valide, per cui non c’era bisogno, per queste figure, di fare concorsi. Poi procederemo con le altre assunzioni, seguendo le procedure stabilite, come la mobilità ed i concorsi. Appena il progetto sarà completo avremo una sanità degna di questo nome sul territorio”.

Sulla riunione dell’assemblea dei sidnaci del 4 settembre, con all’ordine del giorno l’incremento del tetto di spesa per il personale di 5 milioni di euro, Iacono si dice fiducioso.

“L’assessore nella precedente conferenza dei sindaci ha dato assicurazione che incrementerà il tetto di spesa. Sarebbe un peccato avere un progetto e non poterlo dotare di personale. Sono fiducioso, perchè l’impegno dell’assessore c’è stato. Non nei confronti della direzione generale ma di tutti i sindaci della provincia”.

Commenta su Facebook