Sanità, il sindaco di Mussomeli scrive ai cittadini: “L’accordo internazionale per contrastare il ridimensionamento dei servizi”

Il sindaco di Mussomeli Giuseppe Catania scrive una lettera aperta ai cittadini dell’area del Vallone, utenti della struttura ospedaliera “Maria Immacolata Longo”, spiegando le ragioni dell’accordo internazionale con l’Università Pubblica di Rosario in Argentina per il reperimento di medici, soprattutto chirurghi da destinare alla struttura. Un’opportunità che è stata illustrata ai vertici dell’Asp2 di Caltanissetta a cui saranno trasmessi i primi tre curriculum di specialisti di comprovata esperienza e con titolo riconosciuto in Italia, pronti ad arrivare a Mussomeli. Di seguito il testo.

Preliminarmente, si richiama lo studio condotto dall’ANAAO (Associazione Nazionale Aiuti Assistenti Ospedalieri – Sindacato Italiano Medicina Pubblica) secondo cui da qui al 2025 mancheranno almeno 16.500 medici specialisti in Italia. A guidare la classifica delle carenze conseguenti all’analisi delle curve di pensionamento e dei nuovi specialisti formati nel periodo 2018-2025 sono il Piemonte al Nord, la Toscana al Centro, la Sicilia al Sud.
In Sicilia avremo un ammanco netto di 2251 specialisti al 2025.

Al fine di rispondere a questa carenza e criticità il Comune di Mussomeli ha stipulato un Accordo di Cooperazione Internazionale con l’UNR – Università pubblica di Rosario (Argentina) finalizzato – tra le altre cose – all’acquisizione di manifestazione di interesse da parte di medici specialisti argentini (chirurghi, pediatri, anestesisti, medici di medicina d’urgenza, ortopedici, fisiatri), disposti a trasferirsi a Mussomeli per prestare la propria opera professionale presso l’Ospedale di Mussomeli, una cui copia è stata regolarmente.
In virtù di tale accordo, da me stipulato nella qualità di sindaco pro-tempore del comune di Mussomeli e di Autorità Sanitaria Locale, ritengo significativo evidenziare che sono già pervenute – a pochi giorni dalla sua stipula – oltre 50.000 mail di richiesta informazione e, al momento, oltre 2.500 curriculum di medici specializzati che hanno manifestato il proprio interesse. E’ indubbia, dunque, la straordinaria efficacia dell’azione sin qui intrapresa.
Al momento il nostro partner (UNR – Università pubblica di Rosario) è impegnato nella acquisizione delle ulteriori manifestazioni di interesse suddivise per specializzazione e, nell’ambito di tali specializzazioni, nella ulteriore segmentazione di specialisti distinguendo tra coloro che sono già muniti di titolo di riconoscimento rilasciato dal nostro Ministero della Salute e coloro che ancora non lo sono e, per i quali, è previsto un percorso di assistenza alla presentazione della specifica richiesta di riconoscimento.
Nell’attesa, dunque, di trasmettere all’ASP di Caltanissetta tutti i curriculum vitae di professionisti idonei a potenziare la nostra struttura ospedaliera, abbiamo già inoltrato – nei giorni scorsi – i primi n.3 appartenenti ai Medici Specialisti, muniti di regolare decreto di riconoscimento rilasciato dal Ministero della Salute della Repubblica Italiana.
Si tratta di 3 chirurghi (uno dei quali anche Pediatra) con significativa esperienza professionale, oltre che con passaporto italiano e con decreto di riconoscimento del titolo rilasciato dal Ministero della Salute.
Nella stessa nota, peraltro, abbiamo chiesto ufficialmente alla Direzione Strategica dell’ASP di attivare un bando di reclutamento per chirurghi dedicato alla struttura M.I. Longo di Mussomeli, con l’auspicio che tale avviso pubblico possa vedere la partecipazione più ampia possibile di medici specialisti (dunque non solo dei chirurghi argentini che hanno già manifestato il loro interesse a prendere servizio presso la struttura), anche al fine di consentire all’ASP la selezione dei migliori profili professionali.
L’urgenza che abbiamo manifestato all’ASP scaturisce dalla necessità assoluta di affrontare e risolvere definitivamente la criticità in cui versa attualmente il reparto chirurgia (che vede ad oggi la presenza di un solo chirurgo con contratto a termine in scadenza il 31.03.2022).
Nelle ore scorse, in proposito, si è tenuta una riunione operativa presso l’ASP di Caltanissetta tra il sottoscritto, sindaco di Mussomeli e il direttore generale dell’asp di Caltanissetta, Alessandro Caltagirone.
Durante l’incontro, durato circa due ore, è stato possibile scendere nel dettaglio dell’accordo di cooperazione internazionale sigliato tra il comune di Mussomeli e l’UNR – Università Nazionale di Rosario, oltre che analizzare la documentazione relativa ai primi medici specialisti (chirurghi e pediatri) che hanno manifestato l’interesse a trasferirsi a Mussomeli e prendere servizio presso la struttura ospedaliera M.I. Longo.
Al termine dell’incontro è stato deciso di riservarsi altri 3/4 giorni per effettuare un ulteriore approfondimento su tutta la documentazione per poi proseguire, nel caso di conferma della validità del percorso (come noi riteniamo), con la indizione di appositi avvisi pubblici sperimentali dedicati alla struttura M.I. Longo per il reclutamento del personale medico specialistico necessario per la piena attuazione della nuova rete ospedaliera.
Si ribadisce che l’azione intrapresa dalla scrivente Amministrazione ha come unico obiettivo quello di contrastare il ridimensionamento della quantità e della qualità dei servizi sanitari che si registra al momento presso la struttura M.I. Longo a causa della carenza di medici specialisti.
Certo di aver fornito il proprio personale contributo si inviano cordiali saluti.

Il Sindaco
Giuseppe Catania

Commenta su Facebook