Sanità, i tagli sono provvisori. Sindaci “in parte” rassicurati dall’assessore Gucciardi

850

Il tetto di spesa (leggi tagli) al budget dell’Asp 2 di Caltanissetta avrà un carattere provvisorio. Questa la proposta emersa dal vertice a Palermo a cui ha partecipato una delegazione della conferenza dei sindaci sulla sanità, guidata dal primo cittadino di Caltanissetta, Giovanni Ruvolo. Il Governo regionale assicura “che sarà garantita la massima attenzione per le modifiche”.

“Ci hanno in parte rassicurato le garanzie fornite dall’assessore  regionale alla salute Baldo Gucciardi di rivedere la programmazione dei fondi per la dotazione e i servizi dell’Asp nissena, ma rimangono forti  le preoccupazioni e alta la vigilanza sulle azioni che la Regione  attiverà per non diminuire i livelli di assistenza nel nostro  comprensorio”, ha detto Ruvolo a conclusione dell’incontro a Palermo con l’assessore alla salute Baldo Gucciardi insieme ai sindaci di Niscemi, Gela, Mazzarino, Mussomeli, Butera e San Cataldo. All’ordine del giorno l’assegnazione del tetto di spesa per il personale dell’azienda sanitaria nissena.

In sostanza l’assessore del governo Crocetta ha garantito che la delibera che verrà esitata dall’Asp mercoledì prossimo con segnalazione della proposta di incremento dei fondi attualmente previsti di 138 mln di euro, al fine di una revisione del provvedimento di assegnazione dei tetti di spesa.
La conferenza dei sindaci, convenendo sulla provvisorietà della proposta ha comunicato all’assessore Gucciardi di rimanere “critica e ferma nel considerare il tetto di spesa improponibile poiché riduce il personale e i servizi nel territorio nisseno”. L’assessore regionale dal canto suo ha ribadito la massima attenzione garantendo che l’attuale proposta ha carattere provvisorio e che in sede di approvazione definitiva, sarà valutata la possibilità di una variazione del tetto di spesa alla luce delle proposte che verranno formulate dal direttore generale d’intesa con la conferenza dei sindaci.
“La conferenza dei sindaci -ha evidenziato Ruvolo- ha sottolineato che gli ospedali della provincia di Caltanissetta ricadono in aree disagiate e ad altro rischio ambientale, nei quali è necessario vengano garantiti i servizi essenziali e per questo abbiamo preteso e ottenuto che il verbale della riunione fosse inserito nella proposta di delibera provvisoria in attesa delle modifiche che verranno apportate su cui vigileremo al massimo”.

Commenta su Facebook