Sanità, documento del sindaco di Caltanissetta. “Il Maddalena Raimondi diventi centro covid. Non accettiamo alcun ridimensionamento”

640

Anticipato da un intervento video su facebook, il sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, presenta un documento per la ripartenza della sanità nissena.

“L’Emergenza Covid 19 sia da monito per gli errori del passato e dia slancio ad un riassetto della rete sanitaria della Provincia di Caltanissetta” e dice “no a pericolosi passi indietro. Errare è umano, perseverare è diabolico”.

“I tagli indiscriminati nella sanità degli anni precedenti – si legge nel documento – hanno messo a nudo lo stato in cui versa la nostra sanità, in special modo in presenza di una pandemia: riduzione dei posti letto, tagli delle rianimazioni, corsa alla rimodulazione dei reparti, rischi legati alla prossimità dei reparti covid con le degenze ordinarie. Occorre ripartire e non commettere gli errori del passato. I virologi ci dicono che abbiamo 4 mesi, prima che si ripresentino i contagi e non possiamo assistere a continue querelle sulla destinazione del Dubini, le cui polemiche in questa fase risultano stucchevoli e la cui ristrutturazione prevede dei lavori per anni. Si stabilisca quale sarà la sua destinazione d’uso (ad esempio l’idea di una struttura per malattie respiratorie vista la originaria vocazione) e si proceda in tal senso, ma vi sono oggi altre priorità ed urgenze”.

“Innanzitutto non possiamo in alcun modo accettare il ridimensionamento dell’offerta sanitaria ospedaliera e territoriale ed assistere al continuo ed inesorabile declino dell’offerta territoriale. Ci chiediamo – afferma Gambino – a quanto ammonta la mobilità passiva, ossia la fuga dei pazienti da questa provincia?”.

Il documento si concentra dunque su alcune proposte e spunti di riflessione.

Al primo punto di propone che “il Presidio di San Cataldo diventi centro Covid 19, poiché l’Emergenza si potrebbe ripresentare in autunno; vi sono i reparti , occorre procedere con somma urgenza ai lavori di messa in sicurezza ed allo spostamento delle terapie intensive: sul punto si rileva che alcuni ospedali siciliani sono stati riconvertiti nel giro di tre settimane”.

Al secondo punto che “la RSA e la Riabilitazione vanno riaperti immediatamente e gli utenti accedano da subito alle prestazioni e la RSA non sia più centro covid, con la consequenziale requisizione dell’albergo del Cefpas per garantire l’assistenza alberghiera ed ospedaliera ai positivi. D’altronde il Presidente della Regione ha disposto in tale senso con l’ordinanza 10 e le USCA sono state istituite per tale scopo; I pazienti fragili, soprattutto anziani, non ricevono le adeguate cure ed il servizio pubblico deve garantire la loro assistenza. Ci auguriamo che tutto ciò sia fatto al più presto e che non vi sia una dismissione della funzione in favore del privato, sarebbe un’ulteriore sconfitta della sanità pubblica”.

Al terzo punto che “il Sant’Elia sia sgravato – dunque – dall’emergenza Covid e riprenda a pieno regime e si riattivi la procedura per il Trauma Center e per l’aumento delle UU.OO.CC. . Tutte le forze politiche si impegnino in tal senso. Caltanissetta è in posizione centrale, ma puntualmente viene scippata delle funzioni che le competono, è DEA di secondo livello, ma necessità di un incremento delle figure di Emergenza Urgenza”.

Al quarto punto viene sottolineato che “la rete territoriale di assistenza stenta a decollare ed i pazienti impropriamente vanno in ospedale: accanto alle legittime promozioni dei vari Dirigenti, ci si preoccupi di creare la rete di assistenza primaria: le aggregazioni funzionali territoriali, con la collaborazione dei Medici di Famiglia e i Pediatri e gli specialisti ambulatoriali. La sfida si vince sul territorio, abbattendo le liste di attesa, con l’assistenza domiciliare e con l’edilizia sanitaria: quest’ultima è sicuramente insufficiente a garantire visite dignitose ai pazienti, ed il comune è pronto a fare la sua parte. Si creino tre grandi Poliambulatori con strumenti di diagnostica ed in ospedale ci si andrà solo per le emergenze e non si ingolferà il Pronto Soccorso. A tal proposito, le linee guida nazionali sull’emergenza Covid 19 parlano di 3 t: Testare, Tracciare e Trattare. In altre parole, l’Ospedale dovrà esser coinvolto solo in extrema ratio , poiché i pazienti covid dovranno essere gestiti dai Medici di Famiglia, dai Pediatri e dalle USCA. Solo nei casi più gravi si dovrà accedere alle Rianimazioni”.

In conclusione il sindaco di Caltanissetta lancia un monito. “Non facciamoci trovare impreparati, è il momento opportuno per agire, gli stanziamenti ci sono, occorre utilizzarli bene e garantire un rilancio della sanità. Allo stato attuale non siamo assolutamente soddisfatti, perché non si muore di solo Covid 19 e la sanità nissena se non inverte la rotta rischia di decadere ulteriormente”.

Commenta su Facebook