Sanità. Il direttore generale dell’Asp2 querela il sindaco di Gela Domenico Messinese

839

Finirà in tribunale lo scontro tra il sindaco di Gela, Domenico Messinese (al terzo giorno di protesta contro il ridimensionamento dei servizi sanitari territoriali e ospedalieri) e il direttore generale dell’Asp 2 di Caltanissetta, Carmelo Iacono, da lui indicato tra i massimi responsabili di tante precarietà strutturali. Iacono ha infatti querelato Messinese per le dichiarazioni «calunniose e diffamatorie» rese dal sindaco di Gela ieri alla stampa riguardo presunti «ammanchi finanziari» nel bilancio dell’Asp, per i quali chiedeva al ministro della Salute, Lorenzin, di inviare i propri ispettori.

«Non intendo partecipare a una rissa tra istituzioni che certamente non gioverebbe al territorio– ha spiegato il manager dell’Asp – ma per le dichiarazioni rese dal sindaco di Gela, lesive della mia onorabilità e del prestigio dell’istituzione che rappresento, stamani ho dovuto depositare contro di lui una querela-denuncia perché sia la magistratura a ristabilire la verità e a perseguire chi ha diffamato».

“Sui cinque milioni di euro persi dall’Azienda Sanitaria Provinciale per un errore dei suoi uffici – aveva denunciato il sindaco Messinese -, valuteremo se ci sono gli estremi per informare la Corte dei Conti, mentre sulle disparità di servizi tra Gela e Caltanissetta chiederemo l’intervento dei commissari del Ministero della Salute, a cui sottoporremo la valutazione anche dell’ultimo atto aziendale”.

Commenta su Facebook