San Cataldo verso le elezioni, nasce la lista civica “Nuova impronta”. Aderisce al progetto “3 colombe”

408

Si chiama “Nuova Impronta” il gruppo civico fondato da Ennio Lombardo e Valentina Giambrone con l’obiettivo di consolidare nel centrodestra sancataldese una candidatura unitaria a partire dalle liste civiche promosse dalla società civile in vista delle prossime elezioni amministrative.

“È noto a tutti che San Cataldo è attualmente un paese in crisi sotto molteplici aspetti. È stremato dalle ripercussioni negative provocate dal COVID in danno di numerosissime famiglie, è gravato dalle enormi difficoltà del debito pubblico del Comune, tanto grande da determinare lo scioglimento della precedente Amministrazione per dissesto economico finanziario, ed il conseguente commissariamento prefettizio. Ma San Cataldo ha una storia politica e sociale profonda, che lo ha reso il paese più vivace della provincia di Caltanissetta – scrivono Lombardo e Giambrone -. Nel corso dei secoli la nostra città è riuscita ad esprimere ben cinque vescovi, il primo Presidente della Regione Siciliana, nonché una classe dirigente politica che si è sempre fatta stimare al livello provinciale, regionale e nazionale. Per questo e per altri motivi, i sancataldesi chiedono un progetto capace di realizzare una significativa rinascita economica, sociale e culturale. Con questo obiettivo, ma non solo questo, nasce oggi un nuovo gruppo civico, di cui i presenti sottoscrittori si onorano di essere i fondatori. Un gruppo formato da uomini e donne competenti, seri e professionali, che vuole andare oltre i personalismi, oltre i rigidi schemi politici del passato, perseguendo l’esclusivo interesse della nostra città. Il gruppo, denominato “nuova impronta”, avendo letto sulla stampa locale, l’articolo dell’amico Bartolo Mangione, leader della lista civica “3 colombe”, condivide il progetto mirante al risanamento del nostro paese, in termini sopratutto di sostegno alle famiglie, alle imprese presenti nel territorio, ai giovani e ai soggetti più fragili, nonché di tutela dell’ambiente, di sollecito di una nuova infrastrutturazione, e di rilancio della nostra infinita tradizione culturale. Il tutto in nome della legalità e del rispetto delle Istituzioni, in un’ottica di rinnovata modernità. Si tratta di una sfida impegnativa , che questo gruppo si impegna ad affrontare, con dedizione, laboriosità, competenza amministrativa e serietà”.

Commenta su Facebook