San Cataldo, rifiuti in Via Padre Pio, il Pd chiede l’intervento della Commissione straordinaria

190

Questa mattina abbiamo ricevuto numerose segnalazioni di cittadini che, una volta recati presso uno degli eco-punti mobili in cui conferire i rifiuti differenziati, hanno trovato un’amara sorpresa: nuovi orari di conferimento e quindi nessun cassonetto e l’impossibilità di gettare i rifiuti. Stiamo parlando, nello specifico, dell’area individuata in Via Padre Pio da Pietralcina (incrocio con S.S. 122), che nel giro di poche ore si è trasformata in una discarica a cielo aperto a causa di quelle persone che hanno deciso di lasciare comunque lì i propri rifiuti, a discapito dell’igiene pubblica.

La responsabilità non può però essere addossata sempre e solo ai cittadini. Se qualcuno, non curante della pulizia e del decoro della propria città, lascia i sacchi per terra, allo stesso modo ci sono amministratori che dovrebbero guidare il nostro Comune che continuano a portare avanti una terribile gestione in campo dei rifiuti.

È inaccettabile che non sia stata prima predisposta un’adeguata campagna di comunicazione che informava i cittadini di una rimodulazione di orari e luoghi di conferimento nei punti eco mobili. Invece nulla, né nel sito web del Comune, né nella fantomatica sezione trasparenza dei rifiuti, né tantomeno attraverso una informazione in qualsivoglia forma diretta alla popolazione. È inaccettabile assistere ogni giorno in queste aree a cumuli di rifiuti gettati come indifferenziati, senza alcun tipo di controllo. È inaccettabile dopo due anni che non venga fatto rispettare il contratto con la società che gestisce il servizio, che non provvede alla pulizia, allo scerbamento e al corretto ritiro quotidiano dei cestelli che molto spesso vengono lasciati davanti le abitazioni con dentro i rifiuti correttamente differenziati.

La situazione, come ogni anno, è ancora più grave considerato che siamo nei mesi estivi e in un periodo di caldo torrido. Questo comporta un problema igienico-sanitario che deve essere risolto con urgenza e immediatezza dalla Commissione Straordinaria responsabile della salute dei cittadini.

I sancataldesi non possono più tollerare quanto sta accadendo. La Commissione Straordinaria ha il dovere di intervenire per ripristinare la legalità. Ci chiediamo come si possa permettere ancora la mancata applicazione del contratto, comprese le penali dovute.

Vogliamo sottolineare, inoltre, che uno dei compiti fondamentali del nostro Comune è quello di assicurare che ai cittadini venga garantito il giusto servizio dei rifiuti, peraltro pagato profumatamente dagli stessi. A ciò si aggiunga che nei prossimi anni saranno previsti gravi aumenti delle bollette a causa della mala gestione regionale dei rifiuti, dovuta ai risultati disastrosi di Musumeci, della Lega Nord e di tutta la destra che guida purtroppo ancora la nostra Regione.

La Segretaria del PD di San Cataldo

Martina Riggi

Il Vice Segretario del PD di San Cataldo

Marco Andaloro

Commenta su Facebook