San Cataldo. Porta a porta in tre nuovi quartieri e controlli sulla differenziata. Le mosse del sindaco per evitare l’emergenza

982

Parte giovedì a San Cataldo la raccolta porta a porta dei rifiuti in tre nuovi quartieri Bigini, Decano e Pizzo Carano. Circa 800 le utenze coinvolte nella rivoluzione già avviata a San Cataldo in altri quartieri. I cassonetti della raccolta indifferenziata e differenziata, ad eccezione di quelli marroni dell’umido organico, sono stati rimossi già a partire da mercoledì. Tre i giorni di conferimento nella settimana. Il martedì l’indifferenziato e i pannolini, il giovedì carta e cartone, vetro e lattine, il sabato la plastica ed i pannolini.

Gli orari in cui lasciare i sacchetti vanno dalle 21 del giorno stabilito per il conferimento fino alle 6 del mattino. Così il Comune di San Cataldo intende incrementare la raccolta differenziata e nel giro di pochi giorni rientrare nel limite di undici tonnellate di rifiuti indifferenziati giornalieri che è autorizzato a smaltire in discarica.

Soglia superata nelle settimane estive anche a causa di un errato conferimento da parte dei cittadini. Motivo per cui, per il periodo estivo, il sindaco Giampiero Modaffari ha disposto la possibilità di conferire l’umido nei cassonetti di prossimità tutti i giorni dalle 17,00 alle 24,00. In questi giorni, ha spiegato Modaffari, la città produce 14 tonnellate di rifiuti al giorno contro le 9,5-10 tonn dei mesi di Novembre-Febbraio scorso. Se non rientrerà nel parametro consentito si potrebbe profilare un’emergenza rifiuti e in futuro non si potrebbe escludere un aumento della Tari, visti i maggiori costi di conferimento in discarica.

Quindi mediamente circa 4 tonnellate al giorno in più rispetto al periodo novembre-febbraio, per ogni tonnellata il Comune di San Cataldo paga 150 euro per il conferimento oltre i costi di trasporto presso la discarica di Lentini lontana 140 chilometri. Con questi dati, solo per il conferimento, il Comune spenderebbe 216 mila euro in più all’anno.
Intervista al sindaco Giampiero Modaffari del 27/07/2017

Il sindaco Modaffari, insieme all’assessore all’ambiente, Angelo La Rosa, in una conferenza stampa ha annunciato una doppia fase di controlli. Il primo, in collaborazione con le guardie ambientali volontarie, che potrà arrivare a un formale invito agli utenti che non differenziano correttamente, il secondo che prevede sanzioni a seguito di controlli della polizia municipale.

Commenta su Facebook