San Cataldo. Due pistole e un fucile rubati in un appartamento. I Carabinieri rintracciano un dicioannovenne

1542

Questo pomeriggio i Carabinieri dell’Aliquota Operativa di Caltanissetta, in collaborazione con i militari della Tenenza di San Cataldo, hanno arrestato, in flagranza di reato, per detenzione illegale di armi comuni da sparo e detenzione di armi clandestine, A.R., 19enne incensurato di San Cataldo.

I Carabinieri, in seguito ad un furto in appartamento avvenuto nel pomeriggio di sabato 16 settembre, in Corso Sicilia di San Cataldo, nel corso del quale erano state asportate anche delle armi da fuoco legalmente detenute, nello specifico due pistole ed un fucile, hanno iniziato una serie di attività investigative che hanno portato ieri mattina alla perquisizione di casa del ragazzo.

Durante tali attività i Carabinieri hanno raccolto una serie di indizi e sequestrato materiale a carico del diciannovenne, che lo hanno indotto a presentarsi questa mattina spontaneamente, accompagnato dal suo Avvocato, presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta, dove ha confessato il furto e ha dato indicazioni per il rinvenimento delle armi da fuoco rubate, probabilmente al fine di evitare una imminente ordinanza di custodia cautelare in carcere a suo carico.

I Carabinieri operanti hanno effettivamente rinvenuto le tre armi da fuoco celate sul tetto di un casolare abbandonato a San Cataldo, in contrada Santa Germana. Una delle pistole rinvenute era stata già modificata, ovvero punzonata per nasconderne la matricola.

I Carabinieri hanno quindi proceduto ad arrestare il giovane che si trova ora ristretto agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria nissena.

Commenta su Facebook