San Cataldo. Arrestati imprenditore e funzionario del Comune per corruzione

4676

Dopo l’operazione Perla Nera del 2016 le indagini non si sono fermate. Il Gico della Guardia di Finanza di Caltanissetta, sulla scia dell’operazione, ha svelato un presunto patto corruttivo tra l’imprenditore edile sancataldese Salvatore Ficarra e il funzionario dell’ufficio tecnico di San Cataldo, Daniele Silvio Baglio. Entrambi sono finiti agli arresti domiciliari. 

Su disposizione della Procura della Repubblica di Caltanissetta, i finanzieri della Guardia di Finanza nissena nella mattinata di oggi hanno eseguito l’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal GIP, nei confronti di due sancataldesi per il reato di corruzione.

Con la medesima ordinanza il GIP, sempre accogliendo la richiesta della Procura nissena, ha disposto il sequestro della somma di 46.550 euro quale prezzo del reato. Nel corso dell’operazione sono state eseguite perquisizioni presso il Comune di San Cataldo e presso la società Ediltecnica Costruzioni s.r.l.

Le indagini scaturiscono da ulteriori approfondimenti investigativi effettuati dalla Guardia di Finanza a seguito dell’operazione Perla Nera che, nell’aprile del 2016, aveva portato all’esecuzione di tredici misure cautelari nei confronti di funzionari pubblici e imprenditori nisseni per vari reati contro la pubblica amministrazione. Tra gli arrestati figuravano anche Salvatore Ficarra, rappresentante legale della Ediltecnica Costruzioni s.r.l., e Daniele Silvio Baglio, funzionario dell’Ufficio tecnico del Comune di San Cataldo, entrambi indagati in relazione ad un presunto rapporto corruttivo intrattenuto con l’ing. Giorgio Salamanca, già dirigente dell’UTC di Caltanissetta.

Al termine di complesse indagini svolte dal GICO del Nucleo di Polizia Tributaria di Caltanissetta e dirette dalla Procura della Repubblica, il Gip del Tribunale di Caltanissetta ha nuovamente sottoposto a misura cautelare personale l’imprenditore Ficarra Salvatore e il funzionario comunale Baglio Daniele Silvio, “in quanto responsabili di un patto corruttivo che ha permesso all’Ediltecnica Costruzioni s.r.l. – società edile di cui il Baglio era risultato socio occulto –di ottenere vari appalti pubblici nel Comune di San Cataldo in cambio del pagamento di somme di denaro”, scrive la Procura della Repubblica di Caltanissetta in una nota.

“In particolare, Ficarra pagava “in nero” mensilmente somme di denaro al Baglio in cambio dell’affidamento di lavori pubblici, con procedure amministrative semplificate, in favore della Ediltecnica Costruzioni s.r.l., impresa nella cui compagnie sociale figurava peraltro la moglie di Baglio. Ciò emergeva dall’esame di una contabilità in “nero”, da cui risultava che nel corso degli anni il funzionario dell’UTC di San Cataldo aveva percepito circa 46.550 euro dall’imprenditore. Tale somma è stata quindi sequestrata durante le operazioni odierne. La tecnica era ormai collaudata”.

“Daniele Silvio Baglio, in palese conflitto di interessi, assumeva il ruolo di RUP di diversi e numerosi procedimenti amministrativi relativi all’affidamento, senza gara pubblica, di lavori alla Ediltecnica Costruzioni s.r.l., anche sottoscrivendo provvedimenti di liquidazione di fatture emesse dalla società e così rivestendo contemporaneamente il ruolo di “controllore” e quello di “controllato”. In definitiva, è stato accertato il completo asservimento della funzione pubblica affidata al Baglio agli interessi privati propri e del suo socio”.

Commenta su Facebook