San Cataldo, acqua bene prezioso: entra nel vivo la campagna di Comune e Caltaqua

179

Una brochure contenente una serie di suggerimenti e   piccoli consigli pratici per gestire al meglio, nella quotidianità, il rapporto con l’acqua; una serie di iniziative nelle scuole e pubblicazioni dedicate agli studenti;  utili strumenti, da distribuire ad alcune fasce di utenza, per aiutare a tradurre in gesti concreti l’invito a un uso responsabile e senza sprechi della risorsa idrica.

E’ entrata nel vivo la campagna di utilità sociale per un corretto utilizzo dell’acqua che Caltaqua – Acque di Caltanissetta SpA, gestore del servizio idrico integrato per il territorio della provincia di Caltanissetta, ha progettato e messo in campo in stretta sinergia con l’Amministrazione comunale di San Cataldo guidata  dal sindaco Giampiero Modaffari che ha dato l’input al progetto.

Un decalogo, stampato in diverse migliaia di esemplari, è in via di distribuzione agli utenti di San Cataldo nel quadro delle azioni di responsabilità sociale del Gestore. Una diffusione capillare, praticamente porta a porta, sulla quale Caltaqua “scommette” con convinzione con l’intento di favorire la più completa diffusione di quelle piccole prassi quotidiane, ispirate al buon senso, che riescono a fare la differenza in termini di consumi corretti e mancati sprechi. La condivisione di questo progetto con l’Amministrazione comunale rappresenta un altro concreto esempio di quel rapporto di proficua e virtuosa collaborazione tra ente pubblico e società di gestione, largamente sperimentato, che è anche capace di produrre utili risultati per il cittadino-utente.

Ma il decalogo – che  si trova  già pubblicato in formato digitale  sul sito istituzionale del gestore www.caltaqua.it – non è che una parte di un programma di più ampio respiro nel quale rientrano anche iniziative riservate ai più giovani e agli studenti in maniera particolare. Saranno, infatti, questi ultimi i destinatari naturali di una pubblicazione che contiene, utilizzando un linguaggio e immagini più a misura di ragazzi, suggerenti e utili indicazioni per un utilizzo dell’acqua non solo fra le pareti domestiche ma anche nei luoghi comunitari a cominciare proprio dalla scuola.

A completare il progetto pure la distribuzione, che avverrà a cura e sulla base di indicazioni esclusivamente dell’amministrazione comunale di San Cataldo, di circa 1.500 “frangigetto”, piccoli ma utilissimi strumenti da utilizzare facilmente in casa applicandoli in ogni rubinetto.

Commenta su Facebook