San Cataldo, a scuola senza termosifoni. La denuncia di un insegnante: “Tre istituti sprovvisti di riscaldamento”

1351

“I bambini e i ragazzi, i docenti, i dirigenti e il personale ATA dei tre Istituti scolastici di San Cataldo (Caltanissetta) stanno vivendo giornate di particolare disagio. Oltre al Covid-19, con le conseguenti restrizioni e costrizioni (mascherine sanitarie indossate per sei e più ore consecutive), pure i termosifoni spenti. Ad oggi, infatti, le nostre aule scolastiche sono sprovviste del dovuto riscaldamento – previsto, per legge, dal 15 novembre in poi. Questo, in una situazione già di forte patimento per il fatto che siamo costretti a tenere spesso le finestre aperte, come prevedono i protocolli di sicurezza anti Covid-19”. La segnalazione arriva dal professore Leandro Janni, docente della scuola “Carducci Balsamo” di San Cataldo e presidente di Italia Nostra Sicilia.

“I presidenti dei Consigli di Istituto delle tre scuole – spiega – nei giorni scorsi, hanno formulato un documento di protesta che, tra le altre cose, include la mancata accensione dei termosifoni. Il dirigente scolastico della Scuola Media “Carducci-Balsamo”, prof. Salvatore Parenti, nei giorni scorsi ha trasmesso una PEC con la quale comunica il “grande disagio dei ragazzi e dei lavoratori, e il personale disappunto, per le inefficienze dell’Amministrazione Comunale. Pertanto, se dovesse permanere questo stato di cose, appare inevitabile la presentazione di un esposto all’Autorità Giudiziaria”.

Commenta su Facebook