Samonà dopo la querelle sui siti archeologici in degrado: “Coinvolgeremo le associazioni per programmare insieme”

93

La principale novità annunciata ieri dall’assessore regionale ai beni culturali Alberto Samonà nel corso della sua visita a Caltanissetta riguarda il complesso monumentale di Santa Maria degli Angeli nell’omonimo quartiere arabo. “La notizia è che entro breve tempo sarà espletata la gara per il completamento dei lavori di restauro del complesso monumentale, uno dei gioielli di Caltanissetta. Ospiterà la nuova sede della soprintendenza ma non soltanto per gli uffici perché c’è una grande area destinata ad auditorium e degli spazi sia interni che esterni per attività culturali. Rappresenterà – ha detto Samonà – un luogo storico che ritorna alla fruibilità per essere riaperto al sentimento di riscoperta della cultura”.

I lavori avranno un costo di 1,8 milioni di euro e l’esponente della giunta Musumeci punta a inaugurare la struttura prima della fine del mandato. Con il trasferimento degli uffici della soprintendenza, la Regione Siciliana risparmierebbe circa 170 mila euro l’anno pari all’ammontare dei canoni di locazione per i locali attualmente occupati.

Sono invece già in corso i lavori di recupero della cripta di San Domenico. “Dalle foto ho visto le condizioni disastrose in cui era prima che incominciassero. E’ un altro bene che viene restituito”, ha detto.

La visita dell’assessore arriva all’indomani di aspre polemiche sulla gestione dei siti archeologici della provincia di Caltanissetta come Sabbucina e Gibil Gabib, in alcuni casi sfociati anche in esposti alla magistratura per lo stato d’abbandono verificatosi nel tempo.

“Sono dell’idea che le polemiche si superano con il confronto – chiarisce Samonà, evidentemente al corrente della questione -. Ci sarà una giornata dedicata a questo argomento e ci sarà il coinvolgimento delle associazioni. Quando si parla di luoghi della cultura e di parchi archeologici, luoghi amati dall’associazionismo di matrice culturale e ambientalista, è importante ascoltare e programmare insieme. Prevediamo quindi il coinvolgimento che non si limiterà alla giornata che dedicheremo a questo tema”.

Commenta su Facebook