Sale giochi, villa Cordova e sorvegliati speciali. Controlli a tappeto della Polizia

928

Controlli a tappeto della Polizia di stato nei giorni scorsi. Uomini e mezzi impegnati su più fronti: dall’anticrimine al controllo del territorio, passando per la polizia amministrativa negli esercizi pubblici. Gli agenti della Polizia di Stato della sezione volanti, coadiuvati dalle pattuglie del reparto prevenzione crimine Sicilia occidentale di Palermo, ieri hanno sottoposto a controlli 90 persone e 1167 mezzi. In particolare presso la villa comunale Cordova, in vari momenti della giornata, sono state identificate 21 persone – italiani e stranieri –, eseguite 12 perquisizioni personali e sequestrati 9 grammi di hashish, rinvenuti all’interno di un’aiuola, dopo che probabilmente qualcuno se ne era liberato alla vista della polizia. Un sospettato è stato condotto in questura per l’identificazione. Sono, inoltre, stati eseguiti controlli a 20 soggetti sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari e a 5 sorvegliati speciali.

In campo amministrativo sono state elevate sanzioni a due sale scommesse e giochi e a due ristoranti. Per altre quattro sale gioco è stato emesso decreto del Questore di divieto di prosecuzione dell’attività in quanto privi delle prescritte autorizzazioni.

In particolare, i titolari di due sale scommesse e sale giochi del Capoluogo sono stati sanzionati dai poliziotti poiché all’interno di uno di essi, in orario scolastico, sono stati trovati dei minori in età scolare in violazione della specifica normativa che prescrive che i minori in orario scolastico non possono accedere all’interno. Nell’altra sala, invece, gli agenti al momento del controllo non hanno trovato né il titolare né i preposti; in entrambi i casi la sanzione comminata è stata di €.1.032,00. Inoltre sono stati sanzionati due titolari di ristoranti, uno nel Capoluogo e l’altro nel comune di San Cataldo, poiché nel corso del controllo eseguito sabato sera, all’interno dei locali, autorizzati a somministrare bevande ed alimenti, si stavano svolgendo serate danzanti.

In questo caso entrambi gli esercizi pubblici erano sprovvisti dell’autorizzazione del Questore per esercitare l’attività pubblica di “sale da ballo”; la sanzione amministrativa di €.516,00 verrà comminata dal Sindaco. Infine, per altre quattro sale gioco è stato emesso decreto del Questore di divieto di prosecuzione dell’attività in quanto privi delle prescritte autorizzazioni. L’attività di controllo proseguirà nelle prossime settimane.

Commenta su Facebook