Rubato per la terza volta il Presepe di Viale della Regione. Il Sindaco Gambino ne regala un altro

2074

Lo avevano allestito con tanto amore, come ogni anno, ma i ladri lo hanno rubato per la terza volta consecutiva.

Messaggio per i ladri

Non è tanto per il valore intrinseco, seppur notevole, quanto per il significato meschino di questo gesto che nelle intenzioni dei ladri, probabilmente, avrebbe voluto scoraggiare o fare uno stupido dispetto a chi si era adoperato per fare un regalo alla città.

La prima ad accorgersi dell’insano atto di inciviltà è stata la Consigliera Comunale Giovanna Mulè che assieme a Salvatore Verdone, contitolare del “Bar degli amici” aveva provveduto ad allestire all’inizio della scalinata di via Lazio, un presepe composto da personaggi grandi, quindi anche abbastanza costosi.

Intervista al Sindaco Roberto Gambino

Il nuovo presepe

E per dare decoro alla scalinata avevano provveduto anche alla pulizia delle aiuole e alla messa a dimora di molte piante di ciclamino. Un omaggio alla città, dunque, fatto di senso di civiltà e di generosità. Di parere opposto sono stati i ladri che, nella mattinata del giorno di Natale, si sono appropriati di tutti i personaggi del Presepe completando l’opera distruttrice che era già iniziata con il furto di alcune delle piantine di ciclamino.

Intervista a Giovanna Mulè

Bisogna anche rendere merito a Sergio Cirlinci, amministratore di un noto Gruppo Social,

Sergio Cirlinci

per avere preso l’iniziativa di invitare i nisseni sul luogo del misfatto, per oggi 26 dicembre, allo scopo di dare una risposta di coesione e lanciare il messaggio che queste “bassezze” mai potranno costituire un deterrente nei riguardi di chi ama la città.

Merito anche al Sindaco Roberto Gambino che  avendo ricevuto in dono un Presepe realizzato dai ragazzi di  un Centro di riabilitazione psicomotoria diretto dalla d.ssa Cettina Bellia, ha deciso di donarlo alla città.

Intervista a Sergio Cirlinci

L’intervento del Sindaco Gambino

“È un segnale, questo, – ha detto il Sindaco Gambino nel suo intervento – che l’Amministrazione vuole dare per dire: se avete coraggio, rubate anche questo“.

Sapore di Natale e di generosità nell’intervento di Giovanna Mulè che, oltre a riprendere il discorso del furto e a ringraziare Sergio Cirlinci per l’iniziativa, ha accennato a un fatto toccante riguardante una bambina che ha bisogno di cure particolari e dovrà affrontare  parecchi “viaggi della speranza” che la famiglia non può permettersi.

Intervista a Salvatore Verdone (Bar degli Amici)

“In questi giorni con mio marito (il pediatra Alessandro Cupani, ndr) – ha detto Giovanna Mulè – abbiamo vissuto momenti di grande dolore perché c’è una bimba che non sta bene e che però il giorno di Natale si è risvegliata dal coma. Proprio per questo l’abbiamo chiamata Natalina. Vogliamo lanciare una raccolta di fondi che consegneremo alla famiglia che saprà cosa è stato fatto nel momento in cui avremo raccolto una discreta somma”.

Il sorprendente parere del Notaio Giuseppe Pilato

La risposta all’invito della Consigliera Comunale di “Caltanissetta Protagonista” è stata immediata, e dobbiamo dire anche generosa, perché abbiamo visto introdurre nella cassetta posizionata accanto al presepe soltanto banconote e non monetine.

La raccolta fondi, al momento, è attiva presso il Bar degli Amici (accanto alla scalinata di

L’intervento di Giovanna Mulè

via Lazio) e presso lo studio del dr Alessandro Cupani (via Lazio 19). Nulla impedisce – come ha precisato Giovanna Mulè – che altre persone possano adoperarsi per creare altri centri di raccolta. È ovvio che i punti di riferimento per la consegna di eventuali altri fondi, restano sempre quelli sopra indicati.

 

Gli assessori Luciana Camizzi e Grazia Giammusso

Concludere queste note senza manifestare il grave disappunto che ci assale, non è facile. Possiamo soltanto auspicare che fatti del genere non avvengano più e che gli autori del furto si ravvedano non fosse altro che per sentirsi ancora parte integrante di quella Società pulita che in questo momento, inevitabilmente, li ha allontanati.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta su Facebook