Rotazione del personale, il Pd attacca Ruvolo: “Rispetti l’impegno a convocare i sindacati”

402

Pubblichiamo di seguito una nota a firma della direzione cittadina del Partito Democratico nisseno

Sono ormai trascorsi più di sei mesi da quando il Sindaco Ruvolo ha annunciato e realizzato l’avvio di un processo di riorganizzazione del personale del Comune, che ha previsto una ampia rotazione degli incarichi per un certo numero di dipendenti, coinvolgendo una parte dei servizi comunali, senza l’attivazione di un confronto preventivo con le OO.SS. e senza che si definissero con chiarezza né gli obiettivi né i criteri di tale rotazione.      

Contro questa posizione, ostinatamente chiusa all’attivazione di una reale concertazione sindacale e reticente ed ambigua sugli obiettivi di tale processo di riorganizzazione ha preso posizione immediatamente il Partito Democratico, scegliendo di dissociarsi ed uscire dalla Giunta Comunale, quando in un Consiglio Comunale appositamente convocato è risultata evidente la volontà del Sindaco e dell’Assessore al personale di rifiutare qualsiasi confronto reale sull’argomento con le OO.SS. e con lo stesso Consiglio Comunale.

 Il Partito Democratico infatti, pur avendo condiviso l’esigenza di procedere ad un’efficace processo di riorganizzazione del personale comunale, finalizzato al miglioramento della qualità dei servizi e ad una valorizzazione delle competenze e delle professionalità dei dipendenti comunali, non poteva e non può accettare che tale processo sia stato avviato in modo poco trasparente, con la precisa determinazione di mantenere oscuri e non definiti obiettivi e criteri.

Un atteggiamento arrogante e protervo che smentiva e smentisce i principi fondamentali del Programma su cui si era costituita la coalizione politica che aveva originariamente dato vita all’Amministrazione Ruvolo: principi che individuavano nella trasparenza dell’azione amministrativa, nella partecipazione dei cittadini e nel confronto determinante con le parti sociali, il cardine dell’operato della nascente Amministrazione.

A distanza di molti mesi dalle dimissioni dei rappresentanti del PD dalla giunta comunale, siamo purtroppo al punto di partenza. Nonostante gli impegni assunti in Prefettura dal Sindaco Ruvolo sull’attivazione di un tavolo di concertazione e confronto con le OO.SS., che consentisse di dare piena applicazione alle norme ed agli istituti contrattuali, verificando come si è sinora proceduto, al fine di contribuire a definire obiettivi, criteri e regole certe, nulla è stato fatto. Si è proceduto invece senza tenere in alcun conto nessun criterio, blandendo e promettendo, umiliando professionalità, sguarnendo uffici e peggiorando in alcuni casi in modo evidente la qualità dei servizi, tanto da paralizzare l’attività amministrativa. Un vero disastro annunciato.

Va infine segnalato, che contro ogni evidenza, si continua a non procedere all’avvio dell’iter concorsuale per la stabilizzazione dei lavoratori contrattisti precari, puc e asu, così come previsto dalla legge Madia, con grave danno per i lavoratori interessati e per i servizi in cui essi vengono impegnati (in particolare nel settore delicatissimo e strategico della Polizia Municipale).

Per questa ragione, anche prendendo atto e sostenendo le prese di posizioni delle OO.SS. ed alla luce della elezione delle nuove Rappresentanze Sindacali Unitarie dei lavoratori comunali, il Partito Democratico sollecita l’Amministrazione a tener fede all’impegno assunto di convocare al più presto il tavolo di concertazione con le OO.SS., condizione necessaria per ripristinare corrette relazioni sindacali, e per garantire, ognuno per la propria parte, ai dipendenti il rispetto dei diritti contrattuali ed  ai cittadini il miglioramento effettivo della qualità dei servizi.

Commenta su Facebook