Rivolta al Centro di Pian del Lago. Scontri con la Polizia, due migranti riescono a fuggire

1449

Notte di rivolta al Cie di Caltanissetta, dove una cinquantina di migranti in attesa di rimpatrio e ristretti nel centro identificazione ed espulsione, ha fronteggiato per ore una vasto schieramento di forze dell’ordine, Polizia, Carabinieri ed Esercito.

La rivolta, finalizzata a un tentativo di fuga, è stata messa in atto da un consistente numero di cittadini tunisini. Dopo la fine della cosiddetta “emergenza nord Africa”, durante la quale i tunisini venivano accolti come rifugiati, gli stessi cittadini adesso vengono rimpatriati, secondo le leggi vigenti.

Ma andiamo alla cronaca della nottata.

Intorno alle due di notte, secondo una tecnica ormai collaudata, una cinquantina di stranieri, dopo essersi diretti verso la recinzione che delimita il centro, hanno cercato di arrampicarsi, sparpagliandosi in più punti contemporaneamente.

Molti di questi, spalleggiati da altri stranieri che nel frattempo lanciavano oggetti di vario genere all’indirizzo dei poliziotti e militari di vigilanza, sono riusciti a scavalcare la recinzione e, armati di aste di alluminio, divelte dagli infissi, si sono scontrati con lo schieramento delle forze di polizia in tenuta anti sommossa.

L’intervento immediato delle forze di polizia, inviate di rinforzo al centro, ha scongiurato la fuga in massa e, dopo qualche ora, la situazione è stata riportata alla calma.

Al termine della rivolta due stranieri, sono comunque riusciti a dileguarsi per le campagne limitrofe, dopo aver oltrepassato la recinzione della struttura.

 

 

Commenta su Facebook