Ritardi riapertura bretella autostradale. Accesso agli atti di Cancelleri (M5S): "appalti farraginosi"

1497

Ritardi nella riapertura della bretella autostradale della Strada statale 640. Scatta la richiesta di accesso agli atti al Ministero da parte della parlamentare nissena Azzurra Cancelleri del Movimento 5 Stelle, componente della Commissione Finanze che denuncia: “Troppi ritardi e filiera di appalti subappalti troppo varo_viadotto_serra_cazzola_ss640_1_2011_016farraginosa”. La deputata nissena Azzurra Cancelleri (M5S) mette nero su bianco le istanze del territorio del centro Sicilia la cui viabilità risulta fortemente penalizzata dal protrarsi dei lavori per il raddoppio della Agrigento- Caltanissetta ed ha depositato in queste ore formale richiesta di accesso agli atti  al Ministro Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, al Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, al Ministro dell’Ambiente, all’ANAS s.p.a ed al CIPE.
La deputata Cinquestelle lamenta in particolare non solo la situazione di disagio data la chiusura della bretella di collegamento da e per l’autostrada A19, ma anche un “farraginoso e complicato sistema di appaltie subappalti relativi alla realizzazione dell’opera. Sistema – sottolinea la deputata – che di fatto potrebbe essere la causa dello slittamento nella consegna dell’opera”.
Nel documento depositato, si chiede di conoscere: “Il raggruppamento delle imprese vincitrici della gara d’appalto e relativi subappaltatori e subcontraenti (con espressa indicazione della partita Iva e dell’ iscrizione alla Camera commercio); Tutti i contratti di appalto tra la Stazione Appaltante e il raggruppamento di imprese vincitrice e successivamente con i subappalti, nonché gli atti relativi alla consegna dei lavori, compresi altresì le eventuali riserve presentate e il loro ammontare; le autocertificazioni della società raggruppate vincitrici l’appalto riguardanti le dichiarazioni relative ai requisiti di ordine generale ex art 38 dlgs 163 del 2006, modello 1 autodichiarazione di modello Gap e la dichiarazione sostitutiva antimafia”.
Chiede di conoscere inoltre: “Immissioni di possesso aziende con eventuali accordi definitivi, tramite verbali di consistenza, e notifica definitiva di accettazione; l’elenco delle cave connesse all’opera, relative autorizzazioni Arpa e valutazioni idrogeologiche ed ancora i documenti di valutazione di rischio, con copia documenti attestanti conferma di tutte le bonifiche ambientali e belliche effettuate”.
Infine la deputata nissena dichiara che un’ulteriore documentazione verrà richiesta, per avere un quadro completo della situazione, nei prossimi giorni e che il Movimento 5 Stelle comunicherà alla cittadinanza quanto emerso dai documenti.

Commenta su Facebook