“Riscatto”. L’ultimo libro di Melo Freni presentato al Museo Diocesano

18374

Melo Freni, autore del libroNella elegante sala convegni del Museo Diocesano, tra le poche location  della città  dove l’acustica e l’amplificazione sono  soddisfacenti, Antonio Vitellaro, presidente della Società Nissena di Storia Patria  ha presentato, mercoledì 23 aprile,  il romanzo di Melo Freni “Riscatto”. Vi si parla della storia di un giovane cui la mafia uccide la moglie ed il suocero. Lui si vendica e per questo finisce in galera dove, tuttavia, viene aiutato moralmente da alcuni personaggi – come  il cappellano, l’assistente sociale e altri – che ruotano attorno alla sua vita di ergastolano. Ottenuta, dopo trent’anni, la grazia dal presidente della Repubblica si trasferisce come volontario in Kenia con il desiderio di riscattare la sua vita. In Kenia, però, finirà i suoi giorni durante un agguato.

Dopo i saluti di Francesca Fiandaca, direttore del Museo Diocesano, ha preso la parola il prof. Sergio Matteo Collura, Antonio Vitellaro e Melo FreniMangiavillano. “A me sembra che il “riscatto” di Genni – ha detto l’ex preside nella sua introduzione, riferendosi al protagonista del romanzo –  che rappresenta il percorso di questo giovane diventato poi, in galera, vecchio e comunque emendatosi pienamente, prefiguri il riscatto della Sicilia a condizione che questo riscatto sia agganciato alla conversione dell’uomo.  E quindi il messaggio del libro, alla fine è un messaggio di fiducia, un messaggio di speranza e noi ringraziamo anche per questa iniezione di fiducia, anche se sofferta, che viene da un esponente importante della letteratura siciliana”.

“Io, solitamente, quando presento un libro – ha detto caustico il prof. Antonio Vitellaro durante il suo intervento – non racconto il libro.  I libri vanno letti e non raccontati”.  “Concludo – ha detto alla fine della sua presentazione – con una espressione molto semplice: il libro esprime il percorso di riscatto  del protagonista Genni, un riscatto  individuale che, a mio giudizio, è  l’immagine del riscatto sociale di una intera regione”. Dopo le conclusioni del noto scrittore Matteo Collura, si è concluso l’evento che ha visto alla ribalta Melo Freni, uomo di grande esperienza e cultura maturate durante i 35 anni in cui , in RAI,  ha rivestito il ruolo di redattore culturale prima e di redattore capo successivamente.

Ascolta l’intervista a Melo Freni autore del romanzo

 

 

 

Commenta su Facebook