Riparato il guasto al Fanaco. Ecco i turni di distribuzione idrica

1564

Siciliacque comunica la ripresa della distribuzione dell’acquedotto Fanaco. Di seguito le turnazioni per ciascun comune:

Mussomeli

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( S. Giovanni, Ospedale e Madrice)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( S. croce, Ponte e Medio);

Milena

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( Carabinieri)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Piazza);

Campofranco

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( Alta 2)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Media);

Sutera

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( Bassa)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Alta);

Bompensiere

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite tutto il civico;

Acquaviva Platani

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite tutto il civico;

Montedoro

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( Bassa)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Alta);

Delia

–        Giorno 19-02-2017 zone distribuite ( Media e alta)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite (Bassa e Alta);

Sommatino

–        Giorno 19-02-2017 Accumulo

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Medi, Alta e Quattro aratate);

Serradifalco

–        Giorno 19-02-2017 Accumulo

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite ( Bassa);

San Cataldo

–        Giorno 18-02-2017 dal pomeriggio distribuzione via Aurora

–        Giorno 19-02-2017 dal pomeriggio distribuzione zone ( Tigli, Platani, Don Bosco e Pizzo Carano)

–        Giorno 20-02-2017 zone distribuite (Corso Sicilia, Pizzo Carano Basso);

** di seguito la notizia del 17 febbraio scorso **

Siciliacque comunica l’ennesima interruzione dell’acquedotto Fanaco a solo un giorno dalla ripresa. A darne notizia è Caltaqua che ha preannunciato la sospensione dell’erogazione idrica in numerosi comuni della provincia nissena: Acquaviva, Campofranco, San Cataldo e Serradifalco, Mussomeli, Milena, Bompensiere, Sommatino e Montedoro. Un nuovo stop all’erogazione negli stessi comuni che erano appena usciti dall’emergenza idrica, con relative formali proteste dei sindaci. L’interruzione dell’acquedotto del Fanaco si sarebbe verificata per una rottura in contrada Fabbrica in territorio di Casteltermini. Un po’ vaga la spiegazione fornita. “L’innalzamento delle temperature dopo le abbondanti precipitazioni di 15-20 giorni fa – si legge testualmente – ha determinato in più punti dell’acquedotto movimento franosi che determinano sulla condotta un forte stato tensionale fino a determinarne la rottura nei punti in cui sono più consistenti”.

Lo stop varia da uno a due giorni in base ai tempi di ripristino e successivo accumulo nei serbatoi di Caltaqua.

Commenta su Facebook