Rimborsi elettorali 5 Stelle. Grande Sud: "Grande Bluff".

596

5 stelle rimborsi Secondo quanto denunciato in un post del blog di Grande sud, il Movimento 5 Stelle siciliano oltre ad aver sbagliato a calcolare l’importo circa il rimborso elettorale che spetterebbe al movimento (avevano scritto 1 milione e 400 mila euro ma invece sarebbero 800 mila euro), “starebbe operando un grande bluff “.

Questo di seguito è il post di Grande sud.

lettera 5 stelle“E’ bene che lo si dica chiaramente, ieri quello del Movimento 5 Stelle all’Ars e’ stato un grande bluff. Perpetrato ai danni dei cittadini siciliani. Presentarsi davanti a telecamere e taccuini annunciando di voler rinunciare al rimborso elettorale, cosi’ come ha fatto il portavoce del Movimento in Sicilia Giancarlo Cancelleri, e’ un’ottima operazione d’immagine. Peccato che si sia trattato di un pessimo esempio di rispetto della verita’”. Cosi’ l’ultimo editoriale di Grande Sud News, l’organo di informazione online di Grande Sud, il movimento guidato da Gianfranco Micciche’. “Rinunciare significa fare a meno di qualcosa che si possiede. I grillini – prosegue il corsivo – non hanno rinunciato a nulla. Non possiedono, fino a prova contraria e li invitiamo a smentirci, i requisiti necessari, stabiliti dalla legge 96 del luglio 2012, per accedere ai rimborsi elettorali. Pretendono di vendere la pelle dell’orso prima che l’abbiano ucciso. Ovvero, come in una delle piu’ classiche scene del repertorio del Principe Antonio De Curtis, provano a vendere allo sprovveduto la Fontana di Trevi. C’e’ – aggiunge – una sottile ma consistente differenza tra il non volere qualcosa che ti spetta e il dire di rifiutare qualcosa che per legge non ti spetta. Non e’ possibile rinunciare a dei soldi pubblici che non puoi ottenere. Questo e’ un inganno”. “Attenzione, queste nostre considerazioni – precisa Grande Sud News – nulla hanno a che vedere con il legittimo diritto di critica da parte del Movimento 5 Stelle dell’istituto finanziamento pubblico ai partiti. Rivolgiamo l’attenzione al loro modus comunicandi, cioe’ alla leggerezza dialettica con la quale trattano temi cosi’ delicati e dall’impatto mediatico imponente. Perche’ i quindici neo parlamentari regionali hanno voluto inscenare questa pupiata? Non ci interessa – continua – evidenziare il fatto che abbiano anche sbagliato a fare i conti e pertanto non voluto presentare alla stampa la gigantografia dell’assegno con la cifra errata. Non ci interessa sottolineare la scelta di mostrare una lettera di rinuncia ai rimborsi che fa riferimento ad una legge non piu’ in vigore, inutile pertanto sia dal punto di vista formale che sostanziale”. “Chiediamo al Movimento 5 Stelle di dire la verita’. Raccontare ai siciliani le cose come stanno. Perche’ avete ingannato i vostri e altrui elettori?”, conclude l’organo di informazione di Grande Sud.

Infine un’ultima curiosità. Ieri i deputati del Movimento avevano rifiutato alla stampa di far vedere la gigantografia dell’assegno simbolico di 1,4 milioni di euro di rimborso da restituire in quanto l’importo era sbagliato. Ma nel blog di Beppe Grillo, www.beppegrillo.it , compare ancora quella foto.

Commenta su Facebook