Rigenerazione urbana, Mussomeli, Acquaviva e Casteltermini presentano un progetto da 5 milioni

I comuni di Mussomeli, Acquaviva Platani e Casteltermini hanno presentato un progetto complessivo da 5 milioni di euro finalizzati alla “Rigenerazione urbana nel territorio del Vallone” nell’ambito della linea di finanziamento del Governo per il 2022. L’intervento prevede la realizzazione di lavori di riqualificazione del Castello Manfredonico con allestimento di un museo tematico medievale ed interventi di riqualificazione ambientale delle aree adiacenti per un importo complessivo di 2 milioni di euro.

“Esprimo piena soddisfazione per l’ennesima progettualità messa in campo dal comune di Mussomeli, in convenzione con il Comune di Acquaviva Platani e Casteltermini – afferma il sindaco Giuseppe Catania -.La proposta progettuale è finalizzata alla realizzazione all’interno delle sale del castello, previ necessari lavori edili di manutenzione, di un museo e centro educativo e culturale a tema medievale mediante l’impiego di tecnologia di ultima generazione”.

Gli investimenti da realizzare sono i seguenti:

• Lavori di manutenzione e riqualificazione;

• Allestimento spazi espositivi;

• Attrezzature hardware e ricerca storica per sviluppo software;

• Acquisto attrezzature e mezzi per la mobilità sostenibile da e per il castello;

• Acquisto attrezzature e mezzi per abbattimento barriere architettoniche.

“Questo è stato possibile grazie alla convenzione approvata dai consigli comunali di Mussomeli, Acquaviva Platani e Casteltermini e sottoscritta dai tre sindaci degli stessi comuni, in virtù della quale è stato possibile rientrare tra i beneficiari del bando che prevedeva l’accesso riservato esclusivamente ai comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti che, in forma associata, raggiungevano popolazione superiore a 15.000 abitanti. Ringrazio per questo ennesimo sforzo progettuale l’ing. Capo Carmelo Alba e tutti i professionisti coinvolti, l’ufficio di segreteria e i consigli comunali dei tre comuni. Questo ci da anche il senso della competenza e della preparazione tecnica del nostro ufficio tecnico e la capacità di sinergia delle amministrazioni comunali coinvolte”.

Commenta su Facebook